Quotidiano on line
di informazione sanitaria
26 MAGGIO 2024
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

Competenze infermieristiche. Nursing Up scrive a Lorenzin: “Ora basta. Approvare il documento”


“È evidente la volontà politica di non dar corso ai numerosi impegni assunti nel tempo”. E ancora, riferendosi alla lettera dell’Intersindacale medica,: “Siamo di fronte a reiterate prese di posizione che, oltre qualsiasi  ragione o evidenza mostra i muscoli alla politica, nella convinzione di poter ottenere in tal modo ciò che chiede”. LA LETTERA

22 NOV - “È giunta l’ora di dire basta”. È questo il senso della lettera inviata dal presidente del Nursing Up, Antonio De Palma, al Ministro della Salute Beatrice Lorenzin. Oggetto della missiva lo stallo in merito all’approvazione della Conferenza Stato-Regioni del documento sull’implementazione delle competenze infermieristiche.
 
“Solo qualche giorno addietro – si legge nella lettera -  avevamo trasmesso una bozza dell’ultimo scritto riguardante la tematica in oggetto convinti che tale documento, ancorchè opinabile per quanto attiene i contenuti e perché per molti aspetti diverso da quello al quale eravamo approdati dopo tanto lavoro ai tavoli Ministeriali, fosse destinato ad essere sottoposto finalmente al vaglio definitivo della Conferenza Stato Regioni.Nell’occasione avevamo utilizzato il condizionale, ed oggi voi direte a buona ragione, specificando che solo fatti concreti avrebbero potuto dissipare dubbi o perplessità sulla definitiva approvazione del documento da parte di tale organismo. Purtroppo ancora una volta , nostro malgrado quasi come profeti, i timori erano fondati”.
 
“Abbiamo – prosegue De Palma -  letto tutti della “levata di scudi “ da parte di alcune fonti di area medica e del putiferio che ha scatenato l'ipotesi di accordo Stato/Regioni sull’integrazione del­le competenze infermieristiche. Leggiamo in questi giorni scritti altisonanti, che parlano di rischio di invasione, da parte dell’infermiere, di campi di attività che il legislatore riserva formalmente al medico. Da ultimo, in una nota di tipo intersindacale, certa parte del mondo medico ha scritto al Ministro della Salute ed al Presidente della Conferenza Stato Regioni  lamentando, come al solito, possibili invasioni di campo o similari”
 
Queste le ragioni per cui gli infermieri sostengono che sia “giunta l’ora di dire basta!”
 
“Siamo di fronte all’evidente volontà politica di non dar corso ai numerosi impegni sulla materia assunti nel tempo”, specifica De Palma che incalza  anche i medici: “Siamo di fronte a reiterate prese di posizione di certa parte del mondo medico che, oltre qualsiasi  ragione o evidenza , se non quelle di parte, mostra i muscoli alla politica, nella convinzione di poter ottenere in tal modo ciò che chiede. Lungi la volontà di creare conflitti intercategoriali non possiamo non prendere atto di un’evidenza: è  trascorso ormai troppo tempo, tempo prezioso, con la politica concentrata su  interventi di terzi in questioni che sono di esclusivo interesse infermieristico. Il nostro dubbio, ora più fondato di ieri è che ormai “ la volontà politica soggiaccia passivamente ed oltre modo alle levate di scudi ”.
 
Sulla bozza di accordo De Palma poi sottolinea come “da infermieri, con la nostra consueta onestà interiore abbiamo sempre sostenuto , rappresentato e circostanziato criticamente l’esistenza di rilievi e perplessità sul provvedimento di implementazione delle funzioni infermieristiche, soprattutto nella sua ultima stesura, diversa da quella sulla quale abbiamo lavorato per mesi. Non ci piace così com’è , ma per il bene dell’infermieristica e dei cittadini italiani abbiamo comunque considerato l’approvazione di tale documento un fatto positivo, sul quale tornare a posteriori, per risolvere le criticità da noi riscontrate”.
 
“Gli infermieri  - conclude la lettera - respingeranno anche, questo è chiaro, ogni forma di strumentalizzazione, anche quando questa dovesse provenire da alcuni esponenti del mondo professionale che, eventualmente votati alla politica, dovessero apparirci  incoerenti od orientati più ad interessi di altro tipo”.

22 novembre 2013
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy