Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 28 FEBBRAIO 2024
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

Ddl concorrenza. Federfarma si prepara alla “battaglia” in Parlamento: “Vogliamo correttivi e paletti per i capitali in farmacia”


L’assemblea straordinaria dell’associazione ha dato mandato al consiglio di presidenza per “denunciare alle forze politiche i rischi che l’ingresso del capitale nella titolarità arreca alla tutela della salute pubblica”. Racca: “Ma dovremo lavorare anche per preparare le farmacie al nuovo scenario”.

04 MAR - Ieri assemblea straordinaria del sindacato dei titolari di farmacia. La prima dopo il varo del ddl concorrenza che prevede l’ingresso dei capitali nel sistema farmacia che in molti vedono come l’inizio della fine per la rete tradizionale delle farmacie italiane.
Al termine è stata deciso di dare mandato pieno al Consiglio di presidenza per seguire l’iter legislativo del provvedimento “con l’obiettivo di denunciare alle forze politiche i rischi che l’ingresso del capitale nella titolarità arreca alla tutela della salute pubblica”.
Ma soprattutto “per aggiungere paletti e incompatibilità diretti a salvaguardare indipendenza e professionalità del Servizio, in analogia a quanto avviene in diversi Paesi europei”. (Vedi analisi della situazione nella UE).
 
Per la presidente Annarosa Racca: “L’iter del ddl prenderà diversi mesi e ciò vuol dire che c’è tempo per lavorare, tanto con la politica quanto all’interno della categoria”. Per Racca il fine ultimo è quello di riuscire a far “introdurre correttivi e paletti che tutelino la professione. Stiamo studiando le regole che altri Paesi europei si sono date, avvieremo un fitto calendario di incontri con le forze politiche per portare a casa quanto di meglio sia possibile per le nostre farmacie”.
 
Ma la battaglia non sarà solo in Parlamento. C’è “il fronte interno”. Dove, ha detto la presidente, “dovremo lavorare fin da subito per preparare le farmacie al nuovo scenario”. In particolare – spiegano in Federfarma - “andrà messa in campo una progettualità orientata al rafforzamento della farmacia indipendente, grazie anche a sinergie con la filiera e con le cooperative dei farmacisti”. 
Ma andrà avviata anche “una riflessione sulle eventuali modifiche da apportare allo statuto del sindacato, a partire ovviamente dalle regole della rappresentatività”.

04 marzo 2015
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy