Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 24 LUGLIO 2024
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

Specializzazioni. Anaao Giovani: “Il bando arriverà in piena estate. E gli iscritti arriveranno a 17 mila. Il doppio dei posti disponibili”


Era atteso per la fine di aprile e l’Anaao Giovani stava già facendo il conto alla rovescia, restando in attesa. Ora, dal Miur è arrivata la notizia ufficiale: il bando per il concorso d’ammissione alle specializzazioni per l’anno 2016-2017 arriverà ad estate inoltrata. Il ritardo avrà come conseguenza un aumento degli iscritti a circa 17 mila unità, a fronte di una disponibilità di meno di 8 mila posti.

15 MAG - Il bando del concorso di ammissione alle specializzazioni per l’anno accademico 2016/2017 è stato rinviato. Lo ha annunciato il Miur, aggiungendo che la decisione è stata presa “per portare a conclusione le procedure di applicazione del nuovo regolamento di accreditamento delle strutture Universitarie e Ospedaliere ed effettuare modifiche alle modalità di selezione”.
 
Il bando sarà emanato in piena estate, tra la fine del mese di luglio e l’inizio di agosto. Ciò comporterà, di conseguenza, lo slittamento delle prove ad ottobre 2017 ed inizio corsi, probabilmente, i primi di novembre 2017. Come sottolinea l’Anaao Giovani “con buona pace dei laureati nel secondo semestre 2016”.
 
Il sindacato, pur facendo emergere l’ennesimo ritardo, ha accolto positivamente l’apertura del Miur alle sue proposte di miglioramento del concorso nazionale: “prima di dare un giudizio positivo - ha specificato l’Anaao Giovani - aspettiamo di valutare la portata dei cambiamenti, visto che troppe volte i mirabolanti annunci ministeriali hanno partorito un topolino. Al di là dei motivi del posticipo del concorso, permangono, comunque, diverse criticità che dovranno essere affrontate efficacemente dal Miur e dal Ministero della Salute”.
 
Altra conseguenza del ritardo sarà l’aumento del numero dei candidati, che potrebbe raggiungere le 17 mila unità per una stima attuale di soli 7.700 posti disponibili, tra contratti specialistici e borse di medicina generale, “con 9.300 giovani medici – ha aggiunto il sindacato - ovvero quasi 2 su 3, tagliati fuori da qualsiasi possibilità di formazione post-lauream. Nelle scuole di specializzazione più ambite, dove il numero dei partecipanti sarà maggiore, tale rapporto è destinato ad essere ancora più alto”.
“Non del tutto sventato è, però – ha spiegato l’Anaao Giovani - il pericolo di un salto completo dell’attuale anno accademico 2016-2017, che porterebbe a risparmio nelle casse statali circa 700 milioni di euro che si aggiungerebbe al piccolo tesoretto dei contratti persi/non assegnati (circa 15 milioni di euro per anno accademico). Il Miur ci dimostri che sbagliamo, raddoppiando fin da ora finanziamento e numero di contratti e borse di studio, per ridurre drasticamente il famigerato imbuto formativo, che l’anno scorso contava già oltre 7 mila giovani medici. Mentre specialità come medicina d’emergenza, pediatria, medicina interna, chirurgia e cardiologia, più di altre, già oggi hanno un fabbisogno non compensato dai posti a disposizione”.
 
Anaao Giovani ritiene indispensabile la convocazione di un tavolo tecnico con i rappresentanti delle istituzioni, per affrontare insieme le diverse criticità, presenti ormai da troppo tempo, promuovere le necessarie innovazioni, rendere più meritocratico ed efficace il percorso di formazione medica senza lasciare indietro migliaia di giovani.
 
“Se il rinvio del concorso servirà davvero ad apportare miglioramenti organizzativi e strutturali associati ad un congruo incremento del numero dei contratti – ha concluso il sindacato - ben venga. Qualora al conseguente slittamento delle date concorsuali non dovesse seguire una tangibile modifica, sarebbe stata persa l’ennesima occasione per mettere l’Italia al passo con i tempi, degna di far parte dell’Europa Unita. Per una volta, almeno una sola volta, stupiteci”.

15 maggio 2017
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy