Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 05 OTTOBRE 2022
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

“Stop imbuto formativo, si a contratto di lavoro e stabilizzazione precari”. Appello Chi si cura di te?


Lunga lettera dell’associazione indirizzata a sindacati, associazioni del precariato medico, forze politiche, ordini dei medici per richiedere sostegno alle istanze dei medici precari e in formazione. LA LETTERA

26 GEN - “La formazione medica continua ad essere programmata non in base ai fabbisogni di salute della popolazione, ma per rispondere ai vincoli di bilancio e a partire da valutazioni riduttive della capacità formativa del SSN”. È quanto denuncia l’associazione Chi si cura di te? in una lettera aperta indirizzata a sindacati, associazioni del precariato medico, forze politiche, ordini dei medici per richiedere sostegno alle istanze dei medici precari e in formazione.
 
“In questi mesi – si legge - , i medici in formazione specialistica hanno fornito assistenza e svolto attività correlate all’emergenza da COVID-19, indipendentemente dal loro percorso formativo. Purtroppo, nonostante il fondamentale servizio erogato, tale impegno è stato ripetutamente sottostimato e svilito. I medici in formazione sono stati accusati di favorire il contagio fra operatori sanitari e pazienti e sono stati esclusi dall’erogazione dei riconoscimenti economici previsti per gli altri lavoratori della salute. In alcune occasioni è stato loro negato l’accesso ai DPI, nonostante prestassero assistenza a pazienti affetti da COVID come il personale strutturato. Per di più, di recente in diversi poli ospedalieri la natura “studentesca” dei medici e delle mediche in formazione ha portato all’esclusione degli stessi dai programmi di vaccinazione contro SARS-Cov-2, situazione vergognosa che ha trovato soluzione solo in seguito alla denuncia dell’accaduto alla stampa e all’opinione pubblica”.
 
“Nessuno – prosegue la lettera - si sarebbe aspettato che le condizioni di lavoro e la formazione sarebbero rimaste inalterate durante la pandemia, come avvenuto per qualsiasi altro settore. Tuttavia nulla è stato fatto per prevenire o attenuare le condizioni insostenibili di lavoro e l’azzeramento della formazione che abbiamo sperimentato, per di più in un momento storico in cui proprio la formazione medica avrebbe dovuto ricevere maggiori attenzioni e investimenti.
Come camici grigi e medici in formazione specialistica non siamo, in nessuna occasione, venuti meno ai nostri obblighi in quanto medici e continueremo a fare ancora una volta la nostra parte come professionisti della salute. Ma è anche arrivato il momento di iniziare a chiedere che al nostro impegno corrispondano le tutele e i diritti che ci spettano sia come lavoratori che come medici in formazione”.
 
“Per questi motivi – sottolinea la missiva - , da mesi stiamo portando avanti una mobilitazione per chiedere che si investa in formazione in medicina e si riformi il percorso di formazione post lauream. I molteplici tentativi di dialogo con le istituzioni sono stati sistematicamente ignorati o si sono limitati ad incontri senza alcun esito reale. Dopo essere stati chiamati a fare la nostra parte come medici, siamo stati ripetutamente liquidati come studenti”.
 
Le richieste:
-  Che l’imbuto formativo sia azzerato, già dal 2021, per dare a migliaia di medici la possibilità di completare il proprio percorso formativo e rispondere finalmente alle esigenze di salute della popolazione.
-  Un contratto collettivo nazionale della formazione medica, che superi l’attuale inquadramento ibrido studente-lavoratore e garantisca i diritti che ci spettano in quanto lavoratori. Fra questi il diritto a una rappresentanza sindacale che ci tuteli in tutte le sedi in cui si prendono decisioni sulla nostra vita, sulla nostra formazione e sul nostro lavoro.
-  La stabilizzazione delle colleghi e colleghi che da anni sorreggono la medicina territoriale e che hanno sviluppato competenze e capacità sul campo, che riconosca un dato di fatto: non c’è nessuno più competente di loro nel gestire i servizi di cui fanno parte.

26 gennaio 2021
© Riproduzione riservata

Allegati:

spacer La lettera

Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy