Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 22 GIUGNO 2021
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

Recovery Plan. Smi: “Le Case di Comunità sono un modello inadatto. Sì invece a dipendenza ‘atipica’”


Il sindacato lancia le sue proposte sull’assistenza territoriale del PNRR: “Trasformare il Corso di Medicina Generale in Specializzazione a livello universitario e realizzare la dipendenza atipica per le figure convenzionate tuttora prive di tali  tutele, come invece previsto in altri paesi europei mantenendo le strutture territoriali già presenti e garantendo le tutele caratteristiche della dipendenza”.

07 MAG - “La previsione nel PNRR della costruzione  delle Case della Comunità per la presa in carico dei pazienti desta perplessità  in quanto  questo modello organizzativo, che coinvolge la medicina generale, con tutti i suoi compiti ad oggi riconosciuti e tutta la rete territoriale dell’assistenza,  evidenzia molte criticità  e troppe similitudini con le Case della Salute che già hanno visto risultati scadenti in termini di obiettivi di risultato, così come riportato nei dati pubblicati da Agenas nel 2012. Le Case di Comunità, proposte con il PNRR non sembrano differire molto dal precedente e fallimentare progetto di Case della Salute. È prevista, infatti,  l’istituzione di una casa di comunità ogni 24.500 abitanti  e ancora una volta, non si propone un modello di assistenza territoriale realmente prossimo alle case delle famiglie italiane. Ci chiediamo quanti chilometri dovrà  percorrere per recarsi  ad una  Casa di Comunità un paziente della Puglia o del Lazio? Dal punto di vista dell’articolazione territoriale il criterio legato rigidamente al numero di abitanti (mediamente una Casa ogni 20-25 mila abitanti) non può penalizzare determinati territori (quali territori montani o aree interne o a bassa densità abitativa), delle cui le peculiarità vanno tenuto conto”.
 
È quanto sottolinea lo Smi in una nota in cui commenta le misure per l’assistenza territoriale previste nel PNRR.

 
Per il sindacato poi occorre “risolvere l’imbuto formativo e trasformare il Corso di Medicina Generale in Specializzazione a livello universitario con interazione con la medicina territoriale a livello pratico”.
 
E ancora per lo Smi è necessario: “aumentare gli organici , aumentando le borse di studio come corso di specializzazione universitario assumendo quindi i medici di medicina generale  che non saranno solo formati ma specializzati e gli specialisti necessari a coprire i pensionamenti in area territoriale ed ospedaliera”.
 
Il sindacato preme poi di “impostare la rete territoriale anche tramite una nuova visione  del ruolo del medico di medicina generale che possa rappresentare concretamente la figura del “medico del territorio”, in stretta correlazione con le altre figure del SSN globalmente inteso. È da questa rete operativa che nasce la offerta assistenziale orientata alla presa in carico del paziente cronico”.
 
 
Altra proposta è anche quella di “modificare l’art. 8 della 502 /92 con apposito disposto legislativo, riaprendo l’ area della medicina dei servizi, valorizzando nuovamente le funzioni proprie della MEDICINA SCOLASTICA, attività da sempre propria della medicina del territorio, e tutte numerose attività istituzionali del SSN, da anni in carenza di personale e consentire  il passaggio a dipendenza sia della Continuità Assistenziale che della medicina dei servizi ,già attività integrate nelle aziende sanitarie a quota oraria”.
 
Inoltre lo Smi chiede di “applicare la legge Balduzzi con gli appositi finanziamenti alle UCCP, unità fisiche distrettuali (almeno uno per distretto), finalizzate all’applicazione dei PDTA all’interno di queste strutture distrettuali coagulando il personale territoriale frammentato delle ASL ed assumendo il personale medico, infermieristico e sanitario necessario per creare il secondo livello di assistenza territoriale a supporto della medicina generale spostando al loro interno gli investimenti in attrezzature già previsti così da decongestionare i Pronto Soccorso e le strutture ospedaliere che diverrebbero il terzo livello di intervento”.
 
E poi rilancia l’idea di “realizzare la dipendenza atipica per le figure convenzionate tuttora prive di tali  tutele, come invece previsto in altri paesi europei mantenendo le strutture territoriali già presenti e garantendo le tutele caratteristiche della dipendenza. Il PNNR deve prevedere misure finalizzate al riconoscimento  dell’ infortunio sul lavoro per i medici di medicina generale a  seguito di contagio da covid”.
 
“In questi mesi – afferma il sindacato - la nostra azione sindacale si è sviluppata in vari ambiti. Da quello dell’unità sindacale,  che ha visto ad   aprile scorso il SIMET, la FP CGIL Medici affiliarsi al Sindacato Medici Italiani per rispondere meglio alle necessità  della categoria medica.   Questa unità sindacale nasce da una comune visione che mette al centro il Servizio Sanitario Nazionale, equo universale, accessibile; la valorizzazione della medicina generale quale fulcro dell’assistenza territoriale e   il diritto alla salute dei cittadini.Lo SMI in questa prima parte dell’anno si è impegnato, inoltre, in varie direzioni. Abbiamo sottoscritto l’accordo sulla campagna vaccinale anti covid anche con grande sofferenza. Per questo avevamo chiesto un finanziamento congruo e certo ( un miliardo e 200 milioni di euro ) perché convinti che con queste risorse avremmo valorizzato l’autonoma organizzazione dei medici di medicina generale. Con l’insediamento  del Commissario Straordinario Figliuolo avevamo chiesto  prioritariamente, che venissero destinati ai medici di medicina generale i vaccini monodose prodotti dalla Johnson&Johnson per la vaccinazione dei cittadini, in quanto è un farmaco  molto maneggevole. Ma questo purtroppo non è sempre accaduto”.
 
“Riteniamo, conclude la nota, che il confronto con il Governo e con la parte pubblica debba continuare nel merito dell’applicazione del PNRR per individuare le misure più efficaci di prevenzione e di cura per i cittadini italiani e per tutelare la professione medica”.
 

07 maggio 2021
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy