Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 03 OTTOBRE 2022
Lettere al direttore
segui quotidianosanita.it

Elezioni. Le richieste di Sunas ai partiti

di Salvatore Poidomani

23 SET -

Gentile Direttore,
a due giorni dalle elezioni politiche il  SUNAS, Sindacato Professionale degli assistenti sociali,  intende richiamare l’attenzione delle coalizioni, dei partiti e dei candidati su alcuni temi riguardanti Welfare, Politiche Sociali, Salute, Sanità, Giustizia, Diritti delle persone, con particolare riferimento alle politiche per la parità di genere e le pari opportunità, basati su una prospettiva di sviluppo e di valorizzazione degli Assistenti Sociali e del Servizio Sociale Professionale.

Chiediamo programmi incentrati su obiettivi specifici, concreti e realizzabili, ma soprattutto azioni e piani concreti nella prossima legislatura, per lo sviluppo e l’attuazione di un Welfare fondato sui Politiche Sociali che garantiscano e rafforzino il sistema e la strutturazione dei Servizi Sociali e Sociosanitari per i cittadini a tutti i livelli nei quali è organizzata la Pubblica Amministrazione, sia centrali (Ministeri Giustizia, Lavoro e Politiche Sociali, Interni, INAIL e INPS) che regionali e locali e nella scuola, attuando appropriati interventi di riorganizzazione e di innovazione, secondo una visione olistica della persona e di integrazione tra tutti i servizi rivolti alla persona e alla comunità. In tale contesto è quanto mai urgente e necessario adottare politiche di riequilibrio tra Nord e Sud del Paese, di superamento delle diseguaglianze territoriali per l'accesso ai servizi, e contrastare i tentativi di privatizzazione e di un anacronistico ritorno ad un ad una visione e ad un approccio caritativo-assistenziale. 


Chiediamo altresì la piena attuazione delle azioni di riforma previste dal PNRR per le aree del sociale, della sanità, della salute (Missione 5 e Missione 6), ma anche della giustizia e dell’istruzione, in un’ottica di vero e proprio investimento sociale, duraturo e articolato, ritenendo non più tollerabile la politica dei tagli indiscriminati; mentre va piuttosto realizzata una reale riduzione degli sprechi e una riqualificazione della spesa.

Occorre puntare su processi innovativi in grado di favorire una seria programmazione degli interventi dove finalmente si definiscano e si realizzino i percorsi di integrazione socio-sanitaria, a livello di prevenzione, cura e riabilitazione, sostenuti da appropriate azioni di monitoraggio, di valutazione e verifica, al fine di garantire qualità, efficacia, efficienza e sicurezza delle prestazioni.

In questa prospettiva il ruolo dei professionisti Assistenti Sociali e del Servizio Sociale Professionale è fondamentale e strategico, per i compiti e le funzioni che essi svolgono da sempre rispetto alla promozione, organizzazione e gestione dei servizi alla persona, in grado di garantire un utilizzo mirato, integrato e razionale delle risorse e di fornire adeguati livelli e standard di qualità, efficienza ed efficacia nell’attuazione degli interventi e dei servizi sociali e sociosanitari a favore dei cittadini.

Il nostro osservatorio sindacale è da sempre orientato a seguire e valutare i servizi del territorio, in cui come Assistenti Sociali lavoriamo quotidianamente insieme ai cittadini, spesso in situazioni difficili, con scarse risorse – umane, strumentali e organizzative – cercando di dare risposte ai bisogni e a salvaguardare i diritti delle persone, soprattutto di quelle che vivono condizioni di fragilità, disagio, povertà, esclusione, aggravate dagli effetti negativi della crisi economica e sociale e resi ancora più dure dal conflitto Russia-Ucraina.

La grave emergenza sanitaria dovuta alla diffusione della pandemia Covid-19 ha inoltre reso evidente nel nostro Paese la necessità di ricomporre e rinforzare il sistema pubblico dei Servizi Sociali, finalmente e realmente integrato con il servizio sanitario nazionale, per cui diventa strategico riaffermare il ruolo centrale dello Stato, recuperando una visione di insieme, pur nel rispetto delle prerogative regionali e territoriali. 
 
Al nuovo Parlamento e al nuovo Governo chiediamo di portare avanti i seguenti obiettivi:
 
Per il lavoro e l’occupazione 
- Politiche attive per il lavoro e l’occupazione stabile, attraverso un piano straordinario di assunzioni, come già avviato dal Governo dimissionario, superando altresì la politica dei tetti di spesa al personale
 - Eliminazione del precariato, sia nel settore pubblico che nel privato, che colpisce soprattutto tanti giovani, tra cui molti Assistenti Sociali, spesso costretti a lavorare in condizioni contrattuali inique e di sfruttamento, con rapporti di lavoro atipici, senza adeguate forme di tutela e senza un pieno riconoscimento sia a livello professionale che retributivo. Prevedere l’adozione di norme che favoriscano il riconoscimento del servizio prestato ai fini concorsuali nella PA. 
- Adozione di norme più efficaci e severe, e maggiori controlli e vigilanza sui servizi erogati da enti privati, in regime di convenzione o di esternalizzazione, che in molti casi non garantiscono ai cittadini adeguati livelli di assistenza, con ricadute negative sulla qualità delle prestazioni e degli interventi.
- Miglioramento delle condizioni del lavoro nei vari comparti, in particolare nel SSN e enti locali, in un sistema che privilegi i valori professionali e di servizio rispetto a quelli economicistici e aziendali. 
- Aumento delle retribuzioni, adeguandole alla media europea, detassazione degli incrementi contrattuali, abrogazione dell’art. 23, comma 2 del decreto 75/2017, cosiddetto “Madia”, che pone un tetto al salario accessorio.
 
Per i professionisti Assistenti Sociali e il Servizio Sociale Professionale 
- Riconoscere una nuova centralità alla funzione del Servizio Sociale Professionale prevedendo la sua strutturazione organizzativa e istituendo l’omologa dirigenza (così come attuata già in alcune regioni) nella sanità, negli enti locali, nelle funzioni centrali (Ministeri Giustizia – anzitutto ripristinando la dirigenza di servizio sociale negli UEPE – MLPS e Interno, EPNE: INPS e INAIL) e nel settore privato. In tale contesto, occorre dare attuazione agli Uffici di Piano in tutti gli Ambiti Territoriali Sociali e alle relative competenze, dotandoli di adeguate risorse umane e finanziarie, sotto la guida di Assistenti Sociali Dirigenti.
- Riformare lo stato giuridico della professione Assistente Sociale, con l’aggiornamento della Legge 84/93 e del DPR 328/2001, rafforzandone la formazione e l’autonomia sia sotto il profilo professionale che gestionale, e sviluppando ricerca e specializzazioni. Approvare una norma organica che aggiorni e regolamenti le competenze dei professionisti Assistenti Sociali,
Riformare la formazione accademica degli assistenti sociali al fine di migliorare la qualità delle competenze professionali, necessarie per affrontare la complessità sociale.

Per i cittadini e le comunità
- Lotta alla povertà e all’esclusione sociale, non più o non solo attraverso bonus economici ma con interventi strutturali su servizi, lavoro e politiche abitative, per promuovere l’autonomia delle persone, ma anche dando il giusto riconoscimento alle competenze professionali degli Assistenti Sociali e del Servizio Sociale Professionale.
- Sostegno alle famiglie e all’infanzia, attraverso interventi specifici a favore della natalità, della genitorialità responsabile, con azioni di contrasto alla povertà educativa ed economica e alle diverse forme di vulnerabilità delle famiglie, promuovendo interventi più incisivi a sostegno dei nuclei monogenitoriali, in particolare a supporto di madri e padri separati in condizioni di significativo disagio sociale ed abitativo, favorendo l’effettiva esigibilità dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza previsti dalle norme nazionali e dalle Convenzioni internazionali. 
- Contrasto alle varie forme di violenza, di maltrattamento, di abuso fisico e psicologico, di bullismo e ciberbullismo con interventi, soprattutto di prevenzione, a tutela delle donne, dei minorenni e degli anziani, che sono i soggetti più a rischio.
- Politiche organiche a favore di disabili, anziani e non autosufficienti, e delle loro famiglie, in condizioni di fragilità, attraverso l’attuazione di leggi di riforma in grado di garantire un adeguato sistema di interventi domiciliari, territoriali e residenziali, in perfetta integrazione tra interventi sociali e prestazioni sanitarie, incentivando la costituzione di soluzioni abitative alternative all’istituzionalizzazione anche per anziani e disabili, al fine di favorire la piena autonomia della persona, secondo il “progetto di vita personalizzato e partecipato” di ognuno.

Salvatore Poidomani
Segretario Generale SUNAS



23 settembre 2022
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Lettere al direttore

lettere al direttore
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy