Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 22 FEBBRAIO 2024
Lettere al direttore
segui quotidianosanita.it

Medici di famiglia in pensione e quegli annunci di subentro...

di Salvatore Caiazza

31 LUG - Gentile Direttore,
quando un medico di famiglia va in pensione, può nascere il problema della continuità dell’assistenza dei pazienti. Questi ultimi devono lasciare il proprio medico e hanno l’incognita di chi li assisterà dopo il pensionamento di chi li ha avuto in carico per decenni. Alcuni Colleghi da anni seguono una vecchia consuetudine di lasciare l’ambulatorio e i pazienti nelle mani di un giovane volenteroso medico neoconvenzionato, che in un primo momento collabora con il pensionando per poi prendere il suo posto. Una sorta di staffetta tra pensionando e giovane!
 
Potrebbe sembrare una cosa vantaggiosa proprio per la continuità della presa in carico dei pazienti. Cosa potrebbe, però, nascondere un meccanismo del genere? Con quali parametri si sceglie il giovane collaboratore? Gli si fa un colloquio? Lo si mette alla prova? E il pensionando usa tutta la sua esperienza e competenza per rendersi conto se il giovane sia competente, o meno, nonostante sia un dottore in medicina e chirurgia, abilitato e specializzato?
 
L’ENPAM da anni ha proposto la collaborazione tra un medico di medicina generale pensionando e un giovane, in cui il giovane percepisce parte dello stipendio del meno giovane, il quale, quest’ultimo, ha il vantaggio di avere un anticipo della propria pensione. Si potrebbe attuare subito una cosa del genere! Perché non lo si fa? Perché non si riescono a stabilire i parametri di accesso?
 
Forse perché nella Categoria vi sono interessi divergenti? Analizziamo la cosa: i Medici di Assistenza Primaria hanno il diritto di scegliersi il proprio collaboratore, in quanto godono dello status i liberi professionisti; i Medici di Continuità Assistenziale hanno il diritto che la scelta sia fatta per graduatoria regionale, altrimenti i loro preziosi punteggi, accumulati negli anni con i titoli di servizio, sarebbero vanificati; i Medici in Formazione Specifica in Medicina Generale vogliono che quel collaboratore sia uno di loro affinchè la loro miserrima borsa di studio sia integrata. Quale di queste tre esigenze è la più giusta? Per ora, né l’ENPAM, né i sindacati di Categoria hanno trovato una soluzione.
 
Eppure c’è chi un modo di far quadrare il cerchio, l’ha trovato. Sono quei Medici che pubblicano annunci, come quelli che pullulano su un noto quotidiano online rivolto ai medici, dove si chiede spesso con il termine SUBENTRO che un giovane medico convenzionato prenda il posto dell’anziano pensionando. Cosa è il subentro? Un gruppo di Medici campani, tra cui il sottoscritto, ha posto il quesito all’Ordine dei Medici e Chirurghi della Provincia di Napoli, a mezzo pec, segnalando un annuncio di un Medico di Famiglia, operante nel territorio dell’ASL Napoli 1 Centro.
 
Nella fattispecie può un medico pubblicare una richiesta di subentro? E’ lecito? E se è lecito perché gli annunci sono anonimi? E vi sono solamente numeri telefonici, a cui si chiede di essere contattati?
 
Sicuramente una risposta a tutto ciò c’è e sarebbe opportuno che gli OMCeO e la FNOMCeO prendessero una posizione ufficiale in merito, proprio per tutelare quei GIOVANI, che tutti sembra, abbiano l’intenzione di tutelare.
 
Dott. Salvatore Caiazza
Medico di Medicina Generale
Già Segretario Regionale FIMMG Giovani Campania
 

31 luglio 2018
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Lettere al direttore

lettere al direttore
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy