Quotidiano on line
di informazione sanitaria
16 GIUGNO 2024
Lettere al direttore
segui quotidianosanita.it

Educatori professionali. Il rischio di spaccare la categoria

di Nicola Titta

07 DIC - Gentile Direttore,
un emendamento del PD alla manovra, approvato in Commissione Bilancio, non solo non produrrà i risparmi ventilati ma porterà paradossalmente a mancate entrate per lo Stato, inserendo nei servizi Educatori Professionali e creando una vera scissione all’interno della categoria già di per sé frammentata, determinando Educatori Professionali di serie A e di serie B che opereranno, non si capisce con quali differenze di funzione.
 
Per giustificare l’ennesimo schiaffo ai professionisti esercenti la professione, il gruppo del PD ha creato ad arte, un falso allarme licenziamenti per la categoria con il conseguente obbligo oneroso per lo Stato di dover corrispondere il TFR a questi professionisti.
 
L’emendamento proposto andrebbe a correggere quanto contenuto nella precedente legge di Bilancio nel comma 594. Il cavallo di Troia creato ad arte dall’opposizione è per giunta in antitesi con il comma 599 della stessa legge che aveva già di per sé scongiurato la perdita di lavoro per gli esercenti la professione.
 
Lo stesso emendamento contrasta poi con la normativa vigente dettata dalla Legge 3/2018 ove chiede agli Educatori professionali l’obbligo dell’iscrizione all’Albo e all’Ordine FNO TSRM PSTRP. L'emendamento sopra riportato chiede di inserire gli Educatori Professionali socio-pedagogici anche all’interno del settore sociosanitario, andando in contrasto con le norme che prescrivono per questo di dover avere un titolo abilitante all’esercizio della professione e l'iscrizione all'Albo come già prescritto per gli Educatori Professionali di cui al DM520/98.  
 
Per chiarire, i titoli riconosciuti all’Educatore professionale sociopedagogico ad oggi, non sono assolutamente abilitanti e riconducibili alla 520/1998. Si crea quindi uno scenario apocalittico per l’esercizio professionale ove si rischia l’esercizio abusivo della professione in assenza di una norma che riconduca tutta la costellazione di titoli rilasciati ad una figura unica.
 
Stupisce anche il ruolo della Maggioranza nel non aver vigilato sugli emendamenti presentati e votati, visto che un altro emendamento dello stesso tenore presentato dall'onorevole Lorefice del Movimento Cinque Stelle non era stato accolto.
 
Per queste ragioni l’Associazione nazionale Educatori Professionali (Anep)  chiede l’immediata soppressione dell’emendamento in sede di votazione alla Camera e al Senato e auspica che gli educatori attualmente in servizio entrino nell'albo professionale previsto dalla Legge 3/2018, previo percorso compensativo laddove necessario e superamento di prova abilitante da svolgersi presso l'Ordine TSRM-PSTRP.
 
Nicola Titta
Presidente nazionale ANEP-Associazione nazionale Educatori Professionali

07 dicembre 2018
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Lettere al direttore

lettere al direttore
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy