Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Venerdì 10 APRILE 2020
Lettere al direttore
segui quotidianosanita.it

Il lavoro d’equipe non deve mascherare una visione medico-centrica

15 FEB - Gentile Direttore,
la Società Italiana Infermieri di Emergenza Territoriale (SIIET), che ho l’onore di presiedere, continua a strutturarsi. Dopo le nomine, già avvenute, dei referenti di Emilia Romagna, Toscana e Veneto il mese di Febbraio vedrà strutturarsi anche i nuclei di Sardegna, Puglia e Lombardia.
 
Altre regioni importanti, quindi, in attesa di tutte le altre che formalizzeremo nel mese di Marzo e nei successivi, dove saranno presenti gruppi SIIET, ben definiti e con un proprio referente, con il fine di portare avanti gli obbiettivi primari della Società:
- promuovere e coordinare la ricerca ed altre iniziative culturali e scientifiche indirizzate allo sviluppo professionale, sia in ambito nazionale che in ambito internazionale;
- promuovere la qualificazione e la formazione dei soci per l’evoluzione e lo sviluppo delle competenze specifiche;
- contribuire al miglioramento dell'assistenza sanitaria in Emergenza Territoriale attraverso una risposta completa ed adeguata ai bisogni di assistenza infermieristica del cittadino;
- coinvolgere e rappresentare gli infermieri dell'Emergenza Territoriale nelle questioni che riguardano la crescita culturale e professionale e l'organizzazione del lavoro;

- coinvolgere e rappresentare gli infermieri di Emergenza Territoriale nei rapporti tra operatori, cittadini, enti pubblici e ordini professionali, per tutte le problematiche concernenti la professione infermieristica, ivi escluse quelle di stretta competenza sindacale ed ordinistica;
- rappresentare la vision dell’Associazione nei tavoli politico-amministrativi ponendosi come interlocutore privilegiato nel trattamento di tematiche riguardanti i sistemi di Emergenza Territoriale;
- contribuire alla diffusione della cultura dell’emergenza e del primo soccorso attraverso la progettazione ed implementazione di adeguati percorsi formativi e informativi, promuovendo direttamente iniziative allo scopo e vigilando su quelle in corso;
- promuovere la definizione di sistemi di verifica delle attività svolte.
 
In relazione alla recrudescenza di talune posizioni, ormai per fortuna minoritarie a livello nazionale, che continuano a proporre modelli astratti e non ben declinati di “equipe”, vogliamo ricordare che una vera equipe di emergenza territoriale non è tale per il solo fatto di muoversi sulla stessa auto ma, anzi, funziona quando tutte le professionalità presenti sono messe in condizione di essere espresse al massimo delle potenzialità e a seconda del livello di risposta richiesto, quindi in maniera anche disgiunta (automedica, mezzo India o auto infermieristica, mezzo di soccorso base).
 
È importante non mascherare, attraverso il termine equipe, una visione medico centrica che non è più presente da tempo in nessun sistema di emergenza territoriale evoluto del mondo. SIIET porterà avanti e proporrà una visione di sistema in cui l’infermiere sia il più possibile autonomo all’interno delle proprie competenze e responsabilità, ben definite in primis dalla Legge 251/2000 e dal relativo profilo professionale. È importante iniziare a ragionare con i numeri e con i dati, più che con i proclami.
 
Questi sono a totale favore dell’autonomia infermieristica, e della sicurezza per il paziente da essa derivata (si legga a tale riguardo il rapporto FIASO 2019 - analisi organizzativa dei servizi 118) quando, ovviamente, questa sia inserita ed espressa in un sistema di equipe VERA e ben gestita, con procedure chiare e ben definite per tutti i ruoli in campo, con un sistema di risk management serio e realmente proiettato verso il miglioramento del sistema anche attraverso una seria valutazione degli esiti e di formazione congiunta e certificata.
 
Un sistema strutturato per livelli di intervento dove la figura medica, grazie alla sua alta specializzazione che dovrebbe essere sempre garantita, sia veramente il valore aggiunto del sistema. Il terzo e più alto livello dove l’equipe possa prendere forma e senso, e dove il medico sia decisore finale, in presenza o in remoto a seconda delle necessità, in tutte quelle situazioni (pochissime nella pratica clinica) dove procedure e protocolli non siano sufficienti a garantire l’ottimale gestione del paziente ma dove, nel contempo, le altre figure, in primis gli infermieri, siano state messe in grado, con le proprie competenze e l’utilizzo delle procedure di cui sopra, di stabilizzarne le condizioni in totale sicurezza.
 
Questo, a nostro parere, è il modo di valorizzare tutte le figure presenti nel sistema senza sprecarne la professionalità e senza, ancora più importante, che vi sia alcuna invasione di campo tra i soggetti operanti. Questo, a nostro parere, è parlare davvero di equipe in emergenza territoriale, per poter fornire un servizio di altissima qualità ai nostri assistiti. Ne parleremo approfonditamente nel congresso di Marzo, a Riva del Garda, con i più importanti esponenti del sistema di emergenza nazionale, nel tentativo di poter dare finalmente una linea di indirizzo che sia scientificamente fondata.
 
 
Roberto Romano
Presidente SIIET

15 febbraio 2020
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Lettere al direttore

lettere al direttore
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy