Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 15 APRILE 2024
Regioni e Asl
segui quotidianosanita.it

Covid. Demicheli (Ats Milano): “Per Lombardia lockdown necessario. Serviva già da due settimane”


E se è vero che rispetto all'Rt regionale considerato per decidere la chiusura della regione, "ossia l'ultimo che noi abbiamo esaminato in Cabina di regia e che è a 2, nel monitoraggio dell'Ats di Milano il dato è sceso a 1,6, per la Lombardia lo scenario non cambia. Piuttosto, dal mio punto di vista, oggi ci sono già almeno altre 11 regioni con gli ospedali in grave sofferenza". Così il direttore sanitario dell'Ats di Milano e membro della Cabina di regia per il monitoraggio in un'intervista al Corriere della Sera.

05 NOV - Far rientrare la Lombardia nell'Area Rossa era una decisione necessaria che il Governo avrebbe dovuto prendere già da due settimane. Ne è convinto  l'epidemiologo Vittorio Demicheli, direttore sanitario dell'Ats di Milano e membro della Cabina di regia del ministero della Salute per il monitoraggio di Covid-19.
 
In un'intervista al Corriere della Sera Demicheli spiega che, nonostante alcuni segnali di rallentamento dell'epidemia di coronavirus Sars-CoV-2, "per la Lombardia, dati alla mano, il lockdown deciso ieri dal premier Giuseppe Conte e dal ministro Roberto Speranza sia necessario. Il problema semmai è che è in ritardo di 2 settimane".
 
"I dati dell'ultimo monitoraggio, almeno di quello che ho in mano io come membro della Cabina di regia - spiega - si riferiscono alla settimana tra il 19 e il 25 ottobre ed erano indicatori che davano segnali di allerta precoce. Oggi la situazione è peggiorata". E se è vero che rispetto all'Rt regionale considerato per decidere la chiusura della regione, "ossia l'ultimo che noi abbiamo esaminato in Cabina di regia e che è a 2, nel monitoraggio dell'Ats di Milano il dato è sceso a 1,6, per la Lombardia lo scenario non cambia. Piuttosto, dal mio punto di vista, oggi ci sono già almeno altre 11 regioni con gli ospedali in grave sofferenza".
 
L'epidemiologo descrive un contact tracing da tempo "in forte difficoltà", un rapporto sempre alto positivi/tamponi, e poi c'è il peso dei contagi sul sistema sanitario: in Lombardia "ci sono 1.075 letti di terapia intensiva, il tasso di occupazione è del 40% mentre la soglia di criticità è identificata al 30%". E anche il tasso di occupazione dei posti letto per i ricoveri ordinari è al 37%, al limite della soglia critica fissata al 40%".
 
Insomma, nonostante il fatto che su Milano "forse si inizia a vedere qualche risultato delle misure restrittive scattate il 22 ottobre", secondo Demicheli "per rallentare davvero la curva dei contagi queste misure non sarebbero bastate".

05 novembre 2020
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Regioni e Asl

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy