Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 18 LUGLIO 2024
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Nuove sostanze psicotattive. Parlamento UE modifica il regolamento per la messa a bando più rapida di quelle "legali"


24 OTT - Il Parlamento europeo ha votato oggi alcune importanti modifiche alle norme anti droga che prevedono misure specifiche per le nuove sostanze psicoattive (NPS) sempre più diffuse, anche in modo legale, proprio perché non toccate direttamente dalla normativa specifica anti droga.
 
Intanto si accelerano i tempi di messa al bando nella Ue e quelli di recepimento da parte degli Stati membri delle relative nuove direttive europee. Inoltre verranno previste apposite sanzioni in linea con quelle in vigore contro le droghe illegali per quelle nuove sostanze psicotiche che saranno a loro volta dichiarate illegali e quindi messe al bando.


Le modifiche votate oggi dal Parlamento UE riguardano in particolare il regolamento di base dell'OEDT (l'Osservatorio europeo delle droghe e delle tossicodipendenze) e hanno avuto il sì di 609 parlamentari (contrari 19 e 21 astenuti), mentre la direttiva modificata, già in seconda lettura, è stata approvata senza votazione.

Secondo la legislazione approvata le autorità nazionali avranno 6 mesi, invece di 12 anni, per applicare una decisione dell'Ue che metta fuori legge una nuova sostanza Lo scambio di informazioni, tramite l'OEDT, sarà migliorato.

Europol avrà inoltre un ruolo più significativo nel sistema di allarme rapido e nella procedura di valutazione dei rischi, per contribuire a determinare il coinvolgimento transfrontaliero delle organizzazioni criminali.

Teresa Jiménez-Becerril (PPE, ES) , relatore della direttiva, ha dichiarato: "Le nuove sostanze psicoattive, la maggior parte prodotte in Cina e in India, stanno diventando sempre più popolari. Sono offerti online e nei negozi, e le autorità stanno trovando difficile affrontare la diffusione. Il nostro obiettivo è ridurre la loro disponibilità sul mercato e garantire che i produttori e i distributori possano essere perseguiti ".

Michal Boni (PPE, PL) , relatore del regolamento dell'OEDT, ha sottolineato: "Sono morte 254 persone nell'Ue nel 2016 e nel 2017 a seguito del consumo di nuove sostanze psicoattive. È nostro obbligo politico e morale di proteggere la salute dei nostri cittadini, in particolare della generazione più giovane, assicurando una rapida reazione contro il NPS e un migliore coordinamento delle misure nazionali ". 

Le Nuove sostanze psicoattive (NPS), sono definite dall'Ufficio delle Nazioni Unite su droga e crimine (UNODC) come "sostanze di abuso, in una forma pura o in un preparato, che non sono controllati dalla Convenzione unica sulle droghe nocive del 1961 o dalla convenzione del 1971 sulle sostanze psicotrope, ma che possono costituire una minaccia per la salute pubblica ".

Il termine "nuovo" non si riferisce necessariamente a nuove invenzioni (parecchi NPS sono stati creati per la prima volta 40 anni fa), ma a sostanze recentemente disponibili sul mercato che si sono rapidamente sviluppate nell'ultimo decennio, beneficiando della globalizzazione e delle nuove tecnologie di comunicazione, e sono spesso vendute in negozi specializzati e via internet.

24 ottobre 2017
© Riproduzione riservata
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy