Quotidiano on line
di informazione sanitaria
25 FEBBRAIO 2024
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Declino cognitivo. Molti gli aspetti ancora sconosciuti


Uno studio di un team di ricercatori della Ohio State University rimette in discussione l’incidenza di fattori che si credevano importanti nel processo di declino cognitivo, come per esempio status socioeconomico e la scelta di stili di vita salutari, che impatterebbero solo per il 5%. Il livello di istruzione, invece, rimane un importante fattore predittivo del funzionamento cognitivo

09 FEB - Un team di ricercatori della Ohio State University ha scoperto che i fattori più comuni associati con il rischio di andare incontro a disfunzione a livello cognitivo, quali stato socioeconomico, livello di educazione ed etnia, spiegano solo il 38% delle variazioni del rischio all’età di 54 anni. Inoltre, comportamenti salutari come evitare l’obesità e la dipendenza da fumo e svolgere intenso esercizio, producono solo un piccolo effetto sul funzionamento cognitivo negli ultracinquantenni. Infine, i fattori studiati spiegano solo il 5,6% di variazione rispetto a quanto velocemente il funzionamento cognitivo decresce nelle persone tra 54 e 85 anni. I risultati di questo studio sono stati pubblicati su PLOS One.

I dati sono stati raccolti da 7.068 partecipanti all’Health Retirement Study. I ricercatori hanno studiato la funzionalità cognitiva a 54 anni e in che modo subiva un declino fino agli 85 anni. Lo studio ha fornito un’analisi robusta, dal momento che ha preso in considerazione campioni ampi e rappresentativi a livello nazionale USA.

Dall’analisi è emerso che il più importante fattore predittivo del funzionamento cognitivo a 54 anni è il livello di educazione, che spiegherebbe circa il 25% di differenza tra le persone. Il contributo di malattie croniche, comportamenti salutari, sesso, religione e situazione sentimentale, ha un impatto inferiore al 5%.

Fonte: PLOS One 2023

09 febbraio 2023
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy