Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 28 MAGGIO 2024
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Mpox tornerà in estate? Oms Europa: “Non possiamo escluderlo e per evitare che accada le misure di prevenzione devono continuare”


L’epidemia non è più considerata un’emergenza internazionale di sanità pubblica ma mpox (vaiolo delle scimmie) non è sparito e secondo gli ultimi dati, nelle quattro settimane fino al 4 maggio 2023, almeno altre 17 persone hanno contratto il mpox in otto paesi della regione europea dell'OMS e un possibile aumento dei casi di mpox nei prossimi mesi non si può escludere. Tra i fattori di rischio gli eventi di massa primaverili ed estivi, compresi i festival legati al Pride, data la probabilità che si verifichino attività sessuali ma anche la mancanza di accesso ai test e ai vaccini.

18 MAG - A un anno dalla sua più grande epidemia di mpox (vaiolo delle scimmie), la regione europea dell'OMS - che copre 53 paesi in Europa e in Asia centrale – si dice soddisfatta di come sia stata controllata la diffusione della malattia ma chiarisce anche che la guardia non va abbassata per evitare un ritorno dell’epidemia in questi mesi primaverili e nella prossima stagione estiva.

Per farlo Oms Europa ha lanciato proprio in questi giorni e in concomitanza con la Giornata internazionale contro l'omofobia, la bifobia e la transfobia, una nuova campagna mpox, per ricordare alle persone che anche se non è più definita come un'emergenza sanitaria pubblica di interesse internazionale, mpox non è finita; chiunque può essere ancora infettato e che dobbiamo utilizzare tutti gli strumenti per controllarlo ulteriormente fino alla sua eliminazione.

La nuova campagna mpox sfrutta l'esperienza pluriennale della regione europea nella risposta a questo focolaio, comprese prove crescenti sulla malattia e sulle misure per controllarla.

La nuova campagna:
Secondo gli ultimi dati, nelle quattro settimane fino al 4 maggio 2023, almeno altre 17 persone hanno contratto il mpox in otto paesi della regione europea dell'OMS.
E un possibile aumento dei casi di mpox nei prossimi mesi, sottolinea Oms Europa potrebbe essere innescato da persone che si riuniscono per eventi primaverili ed estivi, compresi i festival legati al Pride, data la probabilità che si verifichino attività sessuali; da una mancanza di accesso ai test e ai vaccini, soprattutto per le popolazioni svantaggiate come le lavoratrici del sesso, le persone trans, i migranti e i senzatetto e da persone infette da mpox che arrivano da paesi al di fuori dell'Europa e dell'Asia centrale.

“I nostri sforzi per controllare l'epidemia di mpox sembrano aver dato i loro frutti, e questa è un'ottima notizia. Mi congratulo con le autorità sanitarie e le comunità più colpite per la loro forte collaborazione nel controllo del mpox, compreso il lancio del vaccino, la sensibilizzazione della comunità e le azioni per salvaguardare la salute individuale e della comunità più ampia, insieme agli sforzi concertati per non stigmatizzare le persone colpite", ha affermato il dott. Hans Henri P. Kluge, direttore regionale dell'OMS per l'Europa.

“L'eliminazione è alla nostra portata, ma non dimentichiamo che l'mpox circola ancora – ha aggiunto - come abbiamo visto di recente nella nostra regione. I casi di Mpox potrebbero ripresentarsi questa primavera ed estate con l'inizio di festival ed eventi in cui potrebbero verificarsi attività sessuali. Alcuni paesi della regione europea registrano ancora livelli di trasmissione persistenti e bassi. Oltre la nostra regione, picchi localizzati ci ricordano che questo focolaio è tutt'altro che finito. Rinnoviamo i nostri sforzi collettivi per assicurarci di rimanere sulla buona strada per un'eventuale eliminazione: si può fare".

"Mpox dovrebbe ancora essere una preoccupazione per le autorità sanitarie e le comunità più colpite allo stesso modo nella regione europea dell'OMS", ha affermato il dott. Richard Pebody, responsabile del team di agenti patogeni ad alta minaccia presso l'OMS/Europa che ha sottolineato come “i casi potrebbero essere di nuovo in aumento quest'anno. E che, anche se siamo fortunati, e questo non accade, mpox potrebbe riprendere l'anno successivo. Semplicemente non possiamo essere compiacenti ".

"Sono preoccupato che mpox possa tornare ma spero che abbiamo imparato molto e abbiamo dimostrato che possiamo unirci come comunità e proteggerci davvero", ha detto Martin Joseph, di un'emittente radio con sede nel Regno Unito e conduttrice di un podcast su mpox.

"Come persona che ha attraversato mpox – ha aggiunto - è stata una delle esperienze più difficili e che ha cambiato la vita dal punto di vista della salute mentale, e ha avuto un grande impatto su di me e da allora ho dovuto fare molto lavoro per guardare il mio vita e guarda tutto ciò che ha portato a quel punto”.

"È importante che i gruppi più colpiti - prevalentemente gay, bisessuali e altri uomini che hanno rapporti sessuali con uomini - così come le autorità sanitarie e gli operatori sanitari rimangano in allerta", ha sottolineato ancora il dott. Kluge.

"Mentre celebriamo la diversità e l'inclusione nella Giornata internazionale contro l'omofobia, la bifobia e la transfobia, così come il Pride proprio dietro l'angolo, ricordiamo anche a noi stessi che abbiamo ancora molta strada da fare per eliminare la vergogna e lo stigma legati alla salute sessuale . È fondamentale normalizzare il parlare di argomenti apparentemente delicati o scomodi nell'interesse della nostra salute e del nostro benessere. Non permettiamo che il nostro successo nel controllo dell'mpox nell'ultimo anno venga oscurato da un'altra ondata di infezioni questa primavera ed estate. Essere informato; proteggi te stesso e gli altri; e se puoi, fatti vaccinare”, ha concluso il direttore dell’Oms Europa.

Le raccomandazioni chiave per controllare ed eliminare mpox

Per le autorità sanitarie:

Per le comunità più colpite in particolare – gay, bisessuali e altri uomini che hanno rapporti sessuali con uomini; persone trans e di genere diverso; e prostitute:
Per gli organizzatori di raduni di massa:


18 maggio 2023
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy