Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 25 GIUGNO 2024
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Obesità, individuate cellule che aumentano l’appetito


Queste cellule, secondo i ricercatori, non solo producono la molecola NPY che stimola l’appetito, ma rendono il cervello più sensibile a questo elemento, aumentando ulteriormente la voglia di mangiare. I risultati della ricerca sono stati pubblicati da Cell Metabolism.

22 MAG - Un team del Garvan Institute of Medical Research in Australia, guidato da Herbert Herzog, ha individuato un gruppo di cellule del cervello che aumenta l’appetito quando c’è un surplus di energia nel corpo, come l’accumulo di grasso in eccesso caratteristico dell’obesità. I risultati della ricerca sono stati pubblicati da Cell Metabolism.

Queste cellule, secondo i ricercatori, non solo producono la molecola NPY che stimola l’appetito, ma rendono il cervello più sensibile a questo elemento, aumentando ulteriormente la voglia di mangiare.

Il cervello ha meccanismi complessi che rilevano quanta energia è immagazzinata nel nostro corpo e regolano il nostro appetito: “un modo con cui lo fa è attraverso la molecola NPY, che il cervello produce in risposta a stress come la fame, per stimolare a mangiare”, sottolinea Herzog.

Quando l’energia che assumiamo è inferiore a quella che spendiamo, il cervello produce livelli più elevati di NPY, mentre quando l’assunzione di energia supera la spesa energetica, i livelli di NPY diminuiscono e le persone si sentono meno affamate. Tuttavia, quando c’è un surplus energetico prolungato come il grasso corporeo in eccesso, l’NPY continua a stimolare l’appetito.

Lo studio
Per osservare questo meccanismo, il team ha analizzato, su modello animale, i neuroni che producono NPY e hanno scoperto che il 15% agisce in modo differente e non interrompe la produzione di NPY in condizione di obesità.

“In condizioni di obesità, la sensazione di appetito è principalmente indotta dalla molecola NPY prodotta da questo sottoinsieme di neuroni e queste cellule non solo producono NPY, ma sensibilizzano anche altre parti del cervello per produrre ulteriori recettori, in una sorta di circolo vizioso”, concludono gli autori.

Cell Metabolism 2023

22 maggio 2023
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy