Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 21 FEBBRAIO 2024
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Oltre due miliardi di persone esposte all’inquinamento atmosferico da incendi


Per la prima volta uno studio condotto a livello mondiale ha stimato l’impatto dell’inquinamento provocato dagli incendi sulla salute della popolazione. Ogni persona al mondo è esposta per 9,9 giorni all’anno all’inquinamento provocato dai fumi degli incendi, che peggiora la salute cardiovascolare e mentale. Tra le regioni del mondo più esposte a questa forma d’inquinamento, l’Africa centrale, il Sud-Est asiatico, il Sud America e la Siberia.

25 SET - Oltre due miliardi di persone nel mondo sono esposte, ogni giorno, all’inquinamento provocato dagli incendi. Una cifra che è aumentata del 6,8% negli ultimi dieci anni. Questi i risultati più importanti che emergono dal primo studio condotto a livello mondiale sull’inquinamento provocato dagli incendi negli ultimi vent’anni. Il lavoro è stato pubblicato da Nature a cura di un team di scienziati australiani guidato da Yuming Guo e Shanshan Li, della Monash University

L’esposizione all’inquinamento atmosferico provocato dagli incendi ha molti impatti negativi sulla salute, tra cui un aumento della mortalità e della morbilità delle patologie cardiorespiratorie e della salute mentale.

Lo studio pubblicato da Nature ha stimato l’inquinamento atmosferico giornaliero globale derivante da tutti gli incendi che si sono verificati tra il 2000 e il 2019. I ricercatori hanno calcolato che, ogni anno, 2,18 miliardi di persone sono state esposte ad almeno un giorno di grande inquinamento atmosferico da incendio.

Inoltre, ogni persona nel mondo è esposta, in media, per 9,9 giorni all’anno a inquinamento dovuto a incendi; dato, questo, che nell’ultimo decennio è cresciuto del 2,1%.

I ricercatori australiani hanno infine osservato che i livelli di esposizione nei paesi a Passo reddito sono circa quattro volte superiori rispetto a quelli dei Paesi ad alto reddito. In livelli di esposizione a PM2,5 sono particolarmente elevati in Africa centrale, Sud-Est asiatico, Sud America e Siberia.

Per lo studio è stato preso in considerazione qualsiasi incendio avvenuto nel contesto di paesaggi naturali, come foreste, terreni agricoli, boschi. La valutazione dell’esposizione è stata effettuata attraverso un metodo di apprendimento automatico.

Fonte: Nature 2023

25 settembre 2023
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy