Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 27 FEBBRAIO 2024
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Ema. Fibrillazione atriale tra i possibili effetti collaterali dei farmaci a base di omega-3


Il Prac ha considerato revisioni sistematiche e meta-analisi di studi clinici randomizzati controllati che hanno evidenziato un aumento del rischio dose-dipendente di fibrillazione atriale in pazienti con malattie cardiovascolari accertate o fattori di rischio cardiovascolare trattati con omega -3-esteri etilici degli acidi rispetto al placebo.

29 SET - Il Prac dell'Ema ha accettato di aggiungere la fibrillazione atriale (contrazione rapida e irregolare del cuore) come effetto collaterale comune alle informazioni sul prodotto dei medicinali contenenti esteri etilici dell'acido omega-3. Questi medicinali sono indicati per il trattamento dell'ipertrigliceridemia, quando una modifica della dieta e dello stile di vita da sola non è sufficiente a ridurre i livelli di trigliceridi, un tipo di grasso, nel sangue. L’ipertrigliceridemia è un fattore di rischio per la malattia coronarica. I pazienti che assumono questi farmaci hanno spesso altre condizioni come malattie cardiovascolari e diabete.

Nel corso di una procedura di valutazione singola di aggiornamento periodico sulla sicurezza (Psusa), il Prac ha considerato revisioni sistematiche e meta-analisi di studi clinici randomizzati controllati che hanno evidenziato un aumento del rischio dose-dipendente di fibrillazione atriale in pazienti con malattie cardiovascolari accertate o fattori di rischio cardiovascolare trattati con omega -3-esteri etilici degli acidi rispetto al placebo. Il rischio osservato è massimo con una dose di 4 g/giorno. Se si sviluppa fibrillazione atriale, il trattamento deve essere interrotto definitivamente.

Il Prac ha accettato di raccomandare un aggiornamento delle informazioni sul prodotto per informare gli operatori sanitari e i pazienti del rischio di fibrillazione atriale. A breve verrà inviata una comunicazione diretta agli operatori sanitari (Dhpc) per fornire ai medici ulteriori dettagli.

Una volta adottato, il presente Dhpc sarà inoltrato al Gruppo di coordinamento per il mutuo riconoscimento e le procedure decentrate – Umano ( CMDh ). A seguito del parere del CMDh, la Dhpc sarà diffusa agli operatori sanitari dal titolare dell'autorizzazione all'immissione in commercio , secondo un piano di comunicazione concordato, e pubblicata sulla pagina Comunicazioni dirette agli operatori sanitari e nei registri nazionali negli Stati membri dell'UE.

29 settembre 2023
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy