Quotidiano on line
di informazione sanitaria
14 APRILE 2024
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Cefalee primarie, coinvolti i muscoli del collo


L’infiammazione dei muscoli del collo è direttamente coinvolta nell’insorgenza delle cefalee di tipo primario. A osservarlo, per la prima volta in modo oggettivo, è stato un team guidato da Nico Sollman, della University Hospital di Ulm, in Germania. I risultati dello studio sono stati presentati nel corso del meeting della Radiologic Society of North America, che si è tenuto a Chicago dal 26 al 30 novembre.

04 DIC - Le cause del mal di testa primario, di cui le forme più comuni sono la cefalea di tipo tensivo e l’emicrania, non sono ancora del tutto chiare. Il dolore al collo, però, è comunemente associato alle cefalee primarie, anche se non esistono biomarkers oggettivi sul coinvolgimento dei fasci muscolari. Il dolore di questi ultimi, però, è associato a infiammazione o irritazione del muscolo o del tessuto connettivo che lo riveste.

Lo studio
Nico Sollmann e colleghi – della University Hospital di Ulm, in Germania - hanno studiato il coinvolgimento del muscolo trapezio nel mal di testa primario attraverso risonanza magnetica quantitativa. Lo studio ha coinvolto 50 partecipanti, per lo più donne tra 20 e 31 anni. Di questi, 16 avevano cefalea di tipo tensivo e 12 avevano cefalea ed episodi di emicrania. Il gruppo è stato confrontato con 22 controlli sani.

Dall’analisi è emersa un’associazione tra i valori T2 del muscolo e la presenza di dolore al collo, numero di giorni di mal di testa e numero di punti scatenanti a livello del fascio muscolare, come determinato dalla palpazione dei muscoli trapezi. In particolare, le persone con cefalea di tipo tensivo ed emicrania insieme avevano i valori di T2 più alti. L’aumento di questi valori potrebbe essere considerato un surrogato dell’infiammazione derivante dal sistema nervoso e dall’aumento della sensibilità delle fibre nervose all’interno dei fasci muscolari.

“Il nostro approccio di imaging fornisce la prima prova oggettiva del coinvolgimento molto frequente dei muscoli del collo nelle cefalee primarie, utilizzando la capacità di quantificare l’infiammazione all’interno dei muscoli”, ha spiegato Sollman, “I cambiamenti nei valori T2 ci permettono di distinguere tra individui sani e pazienti con mal di testa primario”.

Fonte: Radiological Society of North America 2023 Meeting

04 dicembre 2023
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy