Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 05 MARZO 2024
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Covid. Il sovrappeso può compromettere la risposta anticorpale all’infezione da SARS-CoV-2, ma non la protezione offerta dalla vaccinazione


Se l'infezione è associata a un aumento del rischio di malattie gravi e a una risposta immunitaria ridotta nelle persone in sovrappeso, questo gruppo ha un rischio potenzialmente maggiore di reinfezione. Ciò rende più importante che mai per questo gruppo assicurarsi di essere vaccinati.

07 DIC - Il sovrappeso può compromettere la risposta anticorpale dell’organismo all’infezione da SARS-CoV-2, ma non la protezione offerta dalla vaccinazione. Lo dimostra una ricerca condotta dall’Università del Queensland pubblicata sulla rivista Clinical & Translational Immunology. Il responsabile del lavoro, Marcus Tong, dottorando della Scuola di Chimica e Bioscienze Molecolari, spiega che la scoperta si basa sull'analisi dei dati raccolti dal team australiano su come il Covid-19 colpisce le persone in sovrappeso.

“Abbiamo già dimostrato in precedenza che il sovrappeso – e non solo l’obesità – aumenta la gravità dell'infezione da SARS-CoV-2. Questo lavoro dimostra che il sovrappeso crea una risposta anticorpale ridotta, ma non alla vaccinazione”, evidenzia l'esperto. Il gruppo di ricerca ha raccolto campioni di sangue da persone che si erano riprese da Covid-19 e non erano state reinfettate durante il periodo di studio. “Tre mesi dopo l’infezione, un BMI elevato è risultato associato a livelli anticorpali ridotti”, ha affermato Tong. “E 13 mesi dopo l’infezione, un BMI elevato è apparso associato sia a una ridotta attività anticorpale che a una percentuale ridotta delle cellule B rilevanti, un tipo di cellula che aiuta a costruire anticorpi anti-Covid”. Al contrario, un BMI elevato non ha avuto alcun effetto sulla risposta anticorpale alla vaccinazione Covid-19 circa 6 mesi dopo la somministrazione del secondo vaccino.

La professoressa associata Kirsty Short ha affermato che i risultati possono aiutare a modellare la politica sanitaria per il futuro. "Se l'infezione è associata a un aumento del rischio di malattie gravi e a una risposta immunitaria ridotta nelle persone in sovrappeso, questo gruppo ha un rischio potenzialmente maggiore di reinfezione. Ciò rende più importante che mai per questo gruppo assicurarsi di essere vaccinati. Suggeriamo di mettere in pratica raccomandazioni più personalizzate per le persone in sovrappeso, sia per la gestione attuale del Covid-19, che per le future pandemie”, ha affermato. “Infine, i dati forniscono un ulteriore impulso per migliorare la vaccinazione contro SARS-CoV-2 nei paesi a basso reddito, dove c’è un’alta percentuale di persone in sovrappeso”.

07 dicembre 2023
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy