Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 13 GIUGNO 2024
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Aviaria. Alert di Oms e Fao: “Cautela per il capodanno cinese”


Limitare l'esposizione a pollame e ambienti potenzialmente infetti. Eseguire una buona igiene delle mani e seguire i consigli generali sulla sicurezza alimentare. Rivolgersi all'assistenza sanitaria in caso di malattia o in seguito al contatto con animali potenzialmente infetti o con il loro ambiente. Sono solo alcune delle indicazioni diramate in vista delle festività. Sebbene la maggior parte delle infezioni umane finora siano state sporadiche a seguito del contatto con pollame infetto e/o con il loro ambiente, la  vigilanza  rimane cruciale.

05 FEB -

Durante i preparativi per le festività del Capodanno lunare in Asia si registra un aumento del commercio e della lavorazione del pollame. La corsa ai viaggi per il Capodanno lunare inizierà a febbraio e, in risposta a tutto questo, la Fao ha emesso un avviso a tutti i capi veterinari.

A causa delle continue segnalazioni di epidemie di influenza aviaria negli uccelli domestici e selvatici nella regione, l’aumento dei livelli di commercio e di viaggi porterà a un rischio più elevato di esposizione. Diversi virus influenzali animali attualmente circolanti nel pollame hanno il potenziale di trasmettersi all’uomo e possono causare malattie gravi.

Sebbene la maggior parte delle infezioni umane finora siano state sporadiche a seguito del contatto con pollame infetto e/o con il loro ambiente, senza prove di trasmissione da uomo a uomo, la vigilanza rimane cruciale.

Da qui le indicazioni di Fao e Oms.

Precauzioni generali

1. Limitare l'esposizione a pollame e ambienti potenzialmente infetti

- Il pubblico dovrebbe ridurre al minimo il contatto con gli animali nelle aree note per essere colpite dai virus dell’influenza animale, comprese le fattorie e altri ambienti in cui gli animali vivi possono essere venduti o macellati, ed evitare il contatto con qualsiasi superficie che sembri contaminata da feci animali. I bambini, gli anziani, le donne incinte e dopo il parto (fino a 6 settimane) o le persone con un sistema immunitario depresso non devono né raccogliere le uova né assistere alla macellazione o alla preparazione del cibo.
- Il pubblico dovrebbe evitare rigorosamente il contatto con qualsiasi animale malato o morto, compresi gli uccelli selvatici, e dovrebbe segnalare gli animali morti o richiederne la rimozione contattando le autorità veterinarie o faunistiche locali.
- I viaggiatori verso paesi e le persone che vivono in paesi con noti focolai di IA dovrebbero, se possibile, evitare gli allevamenti di pollame, il contatto con animali nei mercati di pollame vivo, l’ingresso in aree in cui il pollame può essere macellato e il contatto con qualsiasi superficie che sembri contaminata da feci da pollame o altri animali.

2. Eseguire una buona igiene delle mani e seguire i consigli generali sulla sicurezza alimentare
- Tutti dovrebbero eseguire l'igiene delle mani, preferibilmente lavandosi le mani con sapone e acqua corrente (soprattutto se le mani sono sporche visibili) o utilizzando soluzioni alcoliche per le mani. In tutti i casi, l’igiene delle mani dovrebbe essere eseguita accuratamente e con la frequenza necessaria, ma soprattutto prima e dopo il contatto con gli animali e il loro ambiente.
- Tutti dovrebbero mettere in pratica buone abitudini di sicurezza alimentare: separare la carne cruda dagli alimenti cotti o pronti al consumo, mantenere le superfici pulite e lavarsi le mani, cucinare accuratamente il cibo e maneggiare e conservare la carne correttamente.

3. Proteggiti quando sei esposto o maneggi il pollame.

4. Rivolgersi all'assistenza sanitaria in caso di malattia o in seguito al contatto con animali potenzialmente infetti o con il loro ambiente.

Per gli operatori della sanità pubblica
1. Aumentare la consapevolezza sull’IA tra la popolazione e gli operatori sanitari.
2. Aumentare la sorveglianza e garantire che i laboratori siano attrezzati, soprattutto nelle aree in cui il rischio è più elevato.
3. Collaborare strettamente con il settore animale per ridurre il rischio di trasmissione dei virus dell’IA all’uomo in modi accettabili per il pubblico, i produttori e i commercianti.
4. Segnalare e indagare tempestivamente su eventuali infezioni umane da virus di influenza aviaria.



05 febbraio 2024
© Riproduzione riservata

Allegati:

spacer Alert

Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy