Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Sabato 13 APRILE 2024
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Dengue. Il Ministero della Salute brasiliano annuncia per il 2 marzo un “D-Day” per combatterla. Da inizio anno registrato 1 mln di casi


Da inizio 2024 sono stati segnalati circa 973mila casi sospetti, prevalentemente nelle regioni del Sud, Sud-Est e Centro-Ovest, con 195 decessi accertati e 672 sotto indagine. Tra le azioni strategiche coordinate dal Ministero della Salute c'è l'aumento a 1,5 miliardi di R$ delle risorse per le emergenze. Avviate azioni di sensibilizzazione anche nelle scuole.

28 FEB -

Il Brasile ha registrato, nel 2024, un aumento significativo dei casi di dengue: sono stati segnalati circa 973mila casi sospetti, prevalentemente nelle regioni del Sud, Sud-Est e Centro-Ovest, con 195 decessi accertati e 672 sotto indagine. Dallo scorso anno il Ministero della Salute monitora costantemente lo scenario epidemiologico e indirizza azioni strategiche di prevenzione e cura. Ieri, il Ministero ha aggiornato lo scenario e le azioni di controllo. Tra le novità c'è lo svolgimento di un "D-Day "sabato prossimo, 2 marzo, una mobilitazione nazionale per rafforzare le azioni volte a prevenire ed eliminare le epidemie di zanzare, con il tema "10 minuti contro la dengue".

Il Ministro della Salute, Nísia Trindade, ha rafforzato la mobilitazione in tutto il Paese. “Vorrei lanciare un appello alla società, ai professionisti della stampa, affinché siano con noi nel D-Day – Brasile unito contro la dengue , sabato prossimo. Questo è il momento di attenzione non solo da parte delle autorità sanitarie, del Ministero della Salute, ma anche della società nel suo complesso”, ha avvertito. “Sebbene questa agenda sia focalizzata sulla salute, c’è un’importante discussione interministeriale per affrontare questa malattia a medio e lungo termine, a questo scopo abbiamo rafforzato le azioni strutturanti, in cui il Presidente Lula ha un ruolo fondamentale in questo coordinamento”, ha aggiunto.


L’aumento del numero dei casi in questo periodo dell’anno non era previsto, considerando l’andamento storico, che indica il picco dell’epidemia tra marzo e aprile. Le ragioni di questa situazione diversa dal previsto hanno molteplici radici, ma i cambiamenti climatici, soprattutto durante la stagione delle piogge, e il cambiamento dei sierotipi di dengue circolanti, sono alcuni dei fattori principali. L'immunità per la dengue è sierotipo-specifica, quindi la circolazione di sierotipi diversi aumenta il rischio di diffusione della malattia perché raggiunge parte della popolazione priva di difese (immunità).

Tra le azioni strategiche coordinate dal Ministero della Salute c'è l'aumento a 1,5 miliardi di R$ delle risorse per le emergenze. Nel 2023, il ministero aveva già riservato a questo scopo 256 milioni di R$. Martedì è stato autorizzato il primo trasferimento per un totale di 23,4 milioni di R$ per i comuni di Minas Gerais, Goiás, Rio de Janeiro, San Paolo, oltre al Distretto Federale.

Per ampliare e razionalizzare l'organizzazione delle strategie di sorveglianza, il Ministero della Salute ha installato un Centro operativo di emergenza - COE Dengue , in azione coordinata con Stati e comuni. La misura consente un’analisi approfondita, ma agile, di dati e informazioni a supporto del processo decisionale e la definizione di azioni adeguate e tempestive per gestire i casi.

Sono state inoltre effettuate visite tecniche a sostegno degli stati di Paraná, Minas Gerais, Goiás e del Distretto Federale per organizzare servizi di assistenza e un Corso di Qualificazione sugli Arbovirus, in partnership con Conasems, rivolto agli operatori sanitari: sono già oltre 40mila i professionisti partecipato. Sempre insieme al COE Dengue, il Ministero della Salute ha incontrato sindaci, governatori, operatori sanitari, società scientifiche ed enti medici, per allineare azioni efficaci.

Lotta alle zanzare nelle scuole. Un altro passo importante nella lotta contro gli arbovirus riguarda la mobilitazione lanciata nelle scuole pubbliche del paese contro la zanzara Aedes a Egypti. Saranno 20 le settimane di attività e coinvolgimento delle comunità scolastiche. Nell'ambito del programma, 25 milioni di studenti saranno guidati in più di 102mila istituti scolastici pubblici.

Secondo la terza survey sull’indice di infestazione da Aedes a Egypti (LIRAa) e la indagine sull’indice dei campioni (LIA) del Ministero della Salute, il 75% dei siti di riproduzione delle zanzare dengue si trovano nelle case, come vasi e piatti per piante, bottiglie, contenitori a rendere, leccarde, contenitori per lo sbrinamento di frigoriferi, fontanelle in genere, fontanelle ornamentali e materiali di magazzini edili (wc riforniti, tubazioni ed altro).

Altre azioni strategiche per combattere gli arbovirus. Nel novembre 2023, nell'ambito delle azioni di comunicazione regionalizzata, il Ministero della Salute ha lanciato nuove campagne di mobilitazione sociale, mirate alla realtà di ciascuna regione del Paese e alle peculiarità di questo scenario epidemiologico. Nel mese di dicembre è stata installata la Sala Nazionale Arbovirus , uno spazio permanente per il monitoraggio in tempo reale dei luoghi a più alta incidenza di malattie. Con questa misura è possibile indirizzare strategicamente le azioni di sorveglianza nelle regioni più colpite.

Sempre a novembre, il dipartimento ha emesso una nota di avvertimento sull'aumento dei casi di dengue e chikungunya nel territorio nazionale. In considerazione di ciò, lo scorso anno il Ministero della Salute ha qualificato circa 12mila operatori sanitari, tra medici e infermieri, a fungere da moltiplicatori per la gestione clinica, la sorveglianza e il controllo della malattia. La misura consentirà una rapida identificazione della malattia.

Il Ministero della Salute ha normalizzato le scorte di insetticidi, che erano in condizioni critiche dall’inizio del 2023. Tutti gli stati vengono riforniti di input. È stato possibile il rifornimento anche dei test diagnostici per il controllo della dengue: sono state distribuite 126.04mila reazioni di test sierologici, oltre a 47,6mila unità di test di biologia molecolare. È stato inoltre acquistato sali per la reidratazione orale e apparecchiature portatili per la conta dei globuli rossi e delle piastrine.

La nuova dirigenza del Ministero della Salute ha inoltre ampliato, nel 2023, il metodo Wolbachia come ulteriore strategia di controllo degli arbovirus . Il ministero ha trasferito 30 milioni di R$ per espandere la tecnologia in sei comuni: Natal (RN), Uberlândia (MG), Presidente Prudente (SP), Londrina (PR), Foz do Iguaçu (PR) e Joinville (SC), oltre a le città già incluse nella ricerca. Inoltre, il Brasile è il primo Paese al mondo a offrire il vaccino nel sistema pubblico universale.

Il Ministero della Salute ribadisce, tuttavia, che la principale misura di prevenzione è l'eliminazione dei siti di riproduzione delle zanzare. Da qui l'importanza di ricevere agenti di controllo delle malattie endemiche e agenti sanitari comunitari, che aiuteranno a trovare ed eliminare possibili siti di riproduzione.



28 febbraio 2024
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy