Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 22 APRILE 2024
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Salute riproduttiva. Allotey (OMS): “Fornire servizi è l’indicatore della forza complessiva e dell’efficacia di un sistema sanitario”


Per la responsabile di settore di un'ampia coalizione di autorità, “questo è il momento di fare una valutazione lungimirante di dove siamo e dove dobbiamo andare per raggiungere obiettivi e impegni globali”

29 FEB - “Nel 2024 festeggiamo 30 anni da quando la Conferenza internazionale su popolazione e sviluppo del Cairo ha stabilito l’approccio contemporaneo alla salute sessuale e riproduttiva basato sui diritti, che ci guida ancora oggi, allontanandosi dalle precedenti preoccupazioni relative al controllo delle nascite. Dieci anni dopo, nel 2004, la prima Strategia sulla salute riproduttiva per accelerare i progressi verso il raggiungimento degli obiettivi e dei traguardi di sviluppo internazionale dell'OMS è stata adottata dalla 57a Assemblea mondiale della sanità. I servizi per la salute sessuale e riproduttiva comprendono un’ampia gamma di esigenze sanitarie che vanno oltre la semplice riproduzione. Questi servizi coprono l’accesso alla contraccezione, alle cure per la fertilità e l’infertilità, alla salute materna e perinatale, alla prevenzione e al trattamento delle infezioni sessualmente trasmissibili (IST), alla protezione dalla violenza sessuale e di genere e all’educazione su relazioni sane e sicure. Affrontando questi vari aspetti della salute, i sistemi sanitari primari dimostrano un impegno verso un’assistenza olistica che considera il benessere fisico, mentale e sociale degli individui. La fornitura di servizi completi di salute sessuale e riproduttiva funge da indicatore della forza complessiva e dell’efficacia di un sistema sanitario di base nel contesto della copertura sanitaria universale”. Lo sottolinea in una nota Pascale Allotey, Direttore del Dipartimento per la salute sessuale e riproduttiva (SRH), Programma speciale di ricerca, sviluppo e formazione alla ricerca sulla riproduzione umana (HRP) dell'UNDP-UNFPA-UNICEF-OMS-Banca mondiale.

“Un sistema sanitario in grado di fornire servizi SRH completi dimostra efficacemente capacità in aree quali l’erogazione dei servizi, la formazione della forza lavoro, lo sviluppo delle infrastrutture, l’accesso a prodotti e dispositivi e i sistemi di informazione sanitaria. Valutando la disponibilità, l’accessibilità e la qualità di questi servizi, i sistemi sanitari possono determinare le aree di miglioramento e allocare le risorse in modo più efficace per rafforzare i sistemi sanitari primari. È in questo contesto di celebrazione dei risultati ottenuti con fatica sulla base di prove che hanno focalizzato l’attenzione sugli interessi e sui bisogni dell’individuo e dei sistemi sanitari che l’HRP continuerà ad espandere la comprensione globale della salute e dei diritti riproduttivi completi e della salute sessuale. Questo è il momento di fare una valutazione lungimirante di dove siamo e dove dobbiamo andare per raggiungere obiettivi e impegni globali.​ Abbiamo la visione di un mondo in cui gli anni produttivi, fin dall’infanzia, offrono infinite opportunità per tutti. Ciò include la possibilità di essere fertili a un'età in cui la scelta può essere autonoma, con l'aspettativa di prevenire gravidanze indesiderate, andare incontro a una gravidanza desiderata, il parto, la genitorialità.​ Il HRP è sempre stata una forza progressista, che non ha paura di sconvolgere il pensiero convenzionale, ma è anche impegnata ad ascoltare attentamente le prospettive ampie ed esperte di coloro che hanno esperienza vissuta. Nonostante il difficile contesto giuridico e politico che esiste intorno alla SRH in molti paesi, l’HRP continua a generare nuove conoscenze, fornire indicazioni supportate da prove e lavorare con professionisti dedicati nei paesi e nelle organizzazioni partner per garantire che le informazioni siano diffuse, utilizzate e implementate. HRP è orgogliosa di far parte di un’ampia coalizione di organizzazioni, tra cui i nostri cosponsor, UNDP, UNFPA, UNICEF, OMS e Banca Mondiale, che lavorano per garantire la salute e i diritti sessuali e riproduttivi per tutti”.

In collaborazione - conclude - questo è l’anno per sfruttare soluzioni rivoluzionarie per migliorare i servizi SRH. HRP valuterà quali nuovi prodotti e innovazioni abbiano il potenziale per fornire risultati e migliorare significativamente la vita delle persone che vivono nelle comunità più svantaggiate. Con l’avvicinarsi del 2030, scadenza per il raggiungimento degli Obiettivi di sviluppo sostenibile, questo è l’anno in cui considerare e affrontare le forze che influiscono su tutti gli aspetti della salute e dei diritti sessuali e riproduttivi che, insieme, danno origine a importanti risultati sanitari. Relegare la salute sessuale e riproduttiva ai margini della salute globale o politicizzare i diritti delle persone ad accedere a questi servizi è dannoso per il raggiungimento della nostra ambizione condivisa di promuovere persone, comunità ed economie sane. Questo è anche l’anno per unirci e collaborare, conoscendo e sfruttando i nostri punti di forza, per non lasciare indietro nessuno”.​

29 febbraio 2024
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy