Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 30 MAGGIO 2024
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Le principali agenzie sanitarie delineano una terminologia aggiornata per gli agenti patogeni che si trasmettono attraverso l’aria


L’accordo condiviso sulla terminologia è stato raggiunto tra l’Oms e gli esperti dei Centri di prevenzione e controllo delle malattie dell'Africa, della Cina, dell'Europa e degli Stati Uniti. Sotto l'egida della "trasmissione aerea", possono essere utilizzati due descrittori: trasmissione aerea o inalazione, per i casi in cui le particelle respiratorie infettive vengono espulse nell'aria e inalati da un'altra persona; deposizione diretta, per i casi in cui le particelle infette vengono depositate direttamente su bocca, naso o occhi di un'altra persona vicina. IL RAPPORTO

19 APR -

A seguito della consultazione con agenzie ed esperti di sanità pubblica, l’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) ha pubblicato un rapporto di consultazione tecnica globale che introduce una terminologia aggiornata per gli agenti patogeni che si trasmettono attraverso l’aria. Gli agenti patogeni coperti includono quelli che causano infezioni respiratorie, ad esempio Covid-19, influenza, morbillo, sindrome respiratoria del Medio Oriente (Mers), sindrome respiratoria acuta grave (Sars) e tubercolosi, tra gli altri.

La pubblicazione, intitolata “Rapporto di consultazione tecnica globale sulla terminologia proposta per gli agenti patogeni che si trasmettono attraverso l’aria”, è il risultato di un ampio sforzo di collaborazione pluriennale e riflette l’accordo condiviso sulla terminologia tra l’Oms, gli esperti e quattro importanti agenzie di sanità pubblica: Centri africani per il controllo e la prevenzione delle malattie; Centro cinese per il controllo e la prevenzione delle malattie; Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie; e Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie. Questo accordo sottolinea l’impegno collettivo delle agenzie sanitarie pubbliche ad andare avanti insieme su questo tema.


L’ampia consultazione è stata condotta in più fasi nel 2021-2023 e ha affrontato la mancanza di una terminologia comune per descrivere la trasmissione di agenti patogeni attraverso l’aria tra le discipline scientifiche. La sfida è diventata particolarmente evidente durante la pandemia di Covid-19 poiché è stato richiesto a esperti di vari settori di fornire orientamenti scientifici e politici. Le diverse terminologie hanno evidenziato lacune nella comprensione comune e hanno contribuito a creare sfide nella comunicazione pubblica e negli sforzi volti a frenare la trasmissione dell’agente patogeno.

"Insieme a una gamma molto diversificata di importanti agenzie di sanità pubblica ed esperti in molteplici discipline, siamo lieti di essere stati in grado di affrontare questo problema complesso e tempestivo e di raggiungere un consenso - ha affermato Jeremy Farrar, capo scienziato dell'Oms -. La terminologia concordata per gli agenti patogeni che si trasmettono attraverso l’aria aiuterà a stabilire un nuovo percorso per i programmi di ricerca e l’attuazione di interventi di sanità pubblica per identificare, comunicare e rispondere agli agenti patogeni esistenti e nuovi”.

L'ampia consultazione ha portato all'introduzione dei seguenti descrittori comuni per caratterizzare la trasmissione di agenti patogeni attraverso l'aria (in circostanze tipiche):
- Gli individui infettati da un agente patogeno respiratorio possono generare ed espellere particelle infettive contenenti l'agente patogeno attraverso la bocca o il naso respirando, parlando, cantando, sputando, tossendo o starnutendo. Queste particelle dovrebbero essere descritte con il termine “particelle respiratorie infettive” o IRP.

- Gli IRP esistono su uno spettro continuo di dimensioni e non dovrebbe essere applicato alcun singolo punto di interruzione per distinguere le particelle più piccole da quelle più grandi. Ciò facilita l'abbandono della dicotomia dei termini precedentemente utilizzati: "aerosol" (particelle generalmente più piccole) e "goccioline" (particelle generalmente più grandi).

Il descrittore "attraverso l'aria" può essere utilizzato in modo generale per caratterizzare una malattia infettiva in cui la principale modalità di trasmissione prevede che l'agente patogeno viaggi nell'aria o sia sospeso nell'aria. Sotto l'egida della "trasmissione aerea", possono essere utilizzati due descrittori:
1. Trasmissione aerea o inalazione, per i casi in cui gli IRP vengono espulsi nell'aria e inalati da un'altra persona. La trasmissione per via aerea o l'inalazione può avvenire a breve o lunga distanza dalla persona infetta e la distanza dipende da vari fattori (flusso d'aria, umidità, temperatura, ventilazione, ecc.). Gli IRP possono teoricamente entrare nel corpo in qualsiasi punto lungo il tratto respiratorio umano, ma i siti di ingresso preferiti possono essere specifici dell'agente patogeno.

2. Deposizione diretta, per i casi in cui gli IRP vengono espulsi nell'aria da una persona infetta e vengono poi depositati direttamente sulla bocca, sul naso o sugli occhi esposti di un'altra persona vicina, entrando quindi nel sistema respiratorio umano e causando potenzialmente infezione.

“Questo processo di consultazione tecnica globale è stato uno sforzo concertato di molti esperti influenti ed esperti ", ha affermato Gagandeep Kang, Christian Medical College, Vellore, India, co-presidente del gruppo di lavoro tecnico dell’Oms. "Raggiungere il consenso su queste terminologie avvicinando le parti interessate in un modo senza precedenti non è stata un’impresa da poco. Il completamento di questa consultazione ci offre una nuova opportunità e un punto di partenza per andare avanti verso una migliore comprensione e principi concordati per le malattie che si trasmettono attraverso l’aria”, ha aggiunto Yuguo Li dell’Università di Hong Kong, Hong Kong SAR (Cina), che ha anche ha co-presieduto il gruppo di lavoro tecnico.

Questa consultazione è stata la prima fase delle discussioni scientifiche globali guidate dall’Oms. I prossimi passi includono ulteriori ricerche tecniche e multidisciplinari e l'esplorazione delle più ampie implicazioni di implementazione dei descrittori aggiornati.



19 aprile 2024
© Riproduzione riservata

Allegati:

spacer Rapporto

Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy