Quotidiano on line
di informazione sanitaria
21 LUGLIO 2024
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Malattie trasmissibili. L’Ecdc lancia un nuovo modello di prevenzione. Più attenzione all’educazione alla salute


L'Ecdc ha sviluppato un nuovo modello per la prevenzione delle malattie infettive, che si basa sulle scienze sociali e comportamentali, sulla promozione della salute, sull'alfabetizzazione sanitaria e sull'educazione alla salute, e che fornisce un'ulteriore attenzione ai fattori di rischio socio-economici.

16 MAG -

L'Ecdc ha sviluppato nuovo modello di prevenzione. "Il quadro di prevenzione dell'Ecdc segna una pietra miliare significativa nei nostri attuali sforzi volti a sostenere gli Stati membri dell'UE nella prevenzione delle malattie trasmissibili e nella salvaguardia della salute pubblica nell'UE/SEE. Integrando le scienze sociali e comportamentali nel nostro lavoro di prevenzione, miriamo a rafforzare e attrezzare meglio sistemi sanitari con un approccio più incentrato sulle persone per affrontare le sfide attuali e future", ha spiegato Andrea Ammon, direttore dell’Ecdc.

Nel nuovo quadro, le scienze sociali e comportamentali, mirate a comprendere i fattori che influenzano le decisioni e i comportamenti delle persone, integreranno il lavoro di prevenzione ormai consolidato da tempo dell’Ecdc, che finora si è basato in gran parte sull’epidemiologia medica e sulla microbiologia.

In questo modo si prevede che le politiche e i programmi di sanità pubblica diventino più accettabili e accessibili per gli individui e le comunità, ottimizzando così la loro potenziale efficacia. Allo stesso modo, i metodi di queste scienze verranno utilizzati per considerare i fattori di rischio sociali ed economici e per sostenere politiche sanitarie basate sull’evidenza.


Uno dei pilastri di questo lavoro sarà la creazione di una comunità di pratiche sulla prevenzione, da lanciare nel corso del 2024 con l’obiettivo di raccogliere una massa critica di competenze nella prevenzione delle malattie trasmissibili.

La Comunità di Pratica supporterà i paesi nel migliorare i loro interventi di prevenzione utilizzando metodi tratti dalle scienze sociali e comportamentali. Collegherà inoltre i professionisti in tutta l’UE/SEE e faciliterà la condivisione di buone pratiche e lezioni apprese per la prevenzione delle malattie trasmissibili.

Il quadro di prevenzione offre inoltre all’Ecdc nuove opportunità di cooperare con altre istituzioni dell’UE, agenzie nazionali di sanità pubblica, organizzazioni internazionali, mondo accademico, società civile e altri soggetti nel lavoro di prevenzione.

Il quadro segue i principi guida della salute pubblica, come il rispetto dei diritti umani, la copertura sanitaria universale, l’uguaglianza di genere, l’equità e l’inclusione (anche per le minoranze etniche e le popolazioni socialmente vulnerabili) e l’impegno della comunità nella risposta alla sanità pubblica.

Il nuovo modello segue il mandato modificato dell’Ecdc, approvato dal Parlamento europeo nell’ottobre 2022, e che invita l’agenzia a sviluppare un quadro per la prevenzione delle malattie infettive.



16 maggio 2024
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy