Quotidiano on line
di informazione sanitaria
25 FEBBRAIO 2024
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Calvizie a 45 anni? Aumenta il rischio di cancro della prostata

di Maria Rita Montebelli

Un tipo particolare di calvizie all’età di 45 anni, sarebbe associato ad un aumentato rischio di ammalarsi più avanti nel corso della vita di forme aggressive di tumore della prostata. Lo suggeriscono i risultati di uno studio del National Cancer Institute americano appena pubblicati

17 SET - Uno studio pubblicato su Journal of Clinical Oncology suggerisce che gli uomini con un tipo particolare di calvizie a 45 anni, presentano un rischio maggiorato del 40% di sviluppare più avanti nella vita una forma aggressiva di cancro della prostata, che in Europa rappresenta la seconda forma per frequenza tra gli uomini.
L’analisi condotta su una vasta coorte di persone facenti parte del Prostate, Lung, Colorectal and Ovarian (PLCO) Cancer Screening Trial, evidenzia che gli uomini con un pattern di calvizie che interessi sia la fronte che il vertice della testa all’età di 45 anni, presentano un rischio aumentato del 40% di presentare  un tumore della prostata caratterizzato da marcata aggressività (a rapida crescita e a peggior prognosi), rispetto agli uomini con la capigliatura intatta alla stessa età o con altre forme di calvizie. Sarebbe solo questo pattern di calvizie a conferire l’aumento di rischio e non altri; lo studio arriva a conferma di altri che in passato avevano già suggerito la presenza di un’associazione tra calvizie maschile e cancro della prostata ma nessuno poteva contare su una popolazione così ampia.
 
“Il nostro studio – spiega Michael B. Cook, ricercatore della Divisione di Epidemiologia e  Genetica del Cancro presso il National Cancer Institute di Bethesda (USA) – ha trovato una correlazione tra rischio di tumore della prostata e un tipo particolare di calvizie caratterizzato da perdita di capelli a livello della fronte e diradamento a livello della corona (vertice della testa), all’età di 45 anni. Non abbiamo osservato alcun aumento di rischio per gli uomini portatori di altri pattern di calvizie. Il dato è importante ma è ancora presto per trasferirlo nella pratica clinica”. Il comune denominatore tra questo pattern di calvizie e il tumore della prostata sarebbero gli elevati livelli di androgeni e di recettori per gli androgeni presenti in entrambi le condizioni.
 
Lo studio americano ha preso in esame l’associazione tra calvizie e cancro della prostata in una popolazione di oltre 39mila uomini di età compresa tra i 55 e i 74 anni, al momento dell’arruolamento. A tutti veniva consegnato un questionario, contenente una rappresentazione grafica di vari pattern di calvizie e veniva chiesto loro di indicare la condizione della loro capigliatura all’età di 45 anni. Durante il follow up, sono stati registrati 1.138 casi di cancro della prostata, il 51% dei quali di tipo aggressivo (score di Gleason uguale o superiore a 7, stadio III o IV o cancro della prostata come causa di morte). L’età media alla diagnosi di cancro della prostata era 72 anni. I soggetti che avevano indicato il particolare pattern di calvizie ‘a rischio’, presentavano una probabilità maggiore del 40% di ammalarsi di tumore della prostata in forma aggressiva, rispetto agli altri. I ricercatori del NCI stanno ora portando avanti altri due studi di coorte per esplorare la relazione tra quadro di calvizie e rischio di sviluppare e di morire per cancro della prostata. In uno di questi studi, il pattern di calvizie verrà valutato da un dermatologo, piuttosto che affidarsi all’auto-questionario.
“Questa vasta ricerca – sostiene il dottor Charles Ryan, esperto dell’ASCO – evidenzia un legame significativo tra cancro della prostata e perdita di capelli e suggerisce dunque che gli uomini con questo tipo di calvizie, dovrebbero essere seguiti in maniera più stretta. Sono necessari tuttavia ulteriori conferme prima di poter tradurre questo messaggio in raccomandazioni di screening per il cancro della prostata”.
 
Maria Rita Montebelli

17 settembre 2014
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy