Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 27 FEBBRAIO 2024
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Cancro. Report Usa. Ecco le principali cause di tumore che possono essere prevenute

di Viola Rita

Negli Stati Uniti, metà dei decessi per tumore è legata a cause prevenibili. Tabacco, obesità, patogeni, inattività fisica, dieta povera, abuso di alcol, esposizione ai raggi ultravioletti. Sono 7 fattori che aumentano il rischio individuale di tumore su cui si possiamo intervenire. Questi dati fanno parte dell'AACR Cancer Progress Report 2014, un Rapporto sui progressi del 2014 e sulle strategie per il futuro

18 SET - Al primo posto il tabacco, seguito da obesità, patogeni persistenti, inattività fisica, dieta povera, esposizione professionale ad agenti cancerogeni, alcol, esposizione a raggi ultravioletti e radiazioni ionizzanti. Sono solo alcuni dei principali fattori che aumentano il rischio individuale di sviluppare il tumore, illustrati dal Cancer Progress Report 2014 dell’American Association of Cancer Research (AACR), Organizzazione a livello globale la cui missione è prevenire e curare il tumore attraverso gli avanzamenti scientifici.
 
Nel 2012, il Rapporto stima che globalmente 14milioni e 100mila persone abbiano ricevuto una diagnosi di tumore e l’incidenza è destinata ad aumentare a 24 milioni di nuovi casi nel 2035. Un notevole carico, anche economico, stimato nel 2012 pari a 290 miliardi di dollari e per il 2035 pari a 485 miliardi.
 
Negli Stati Uniti, complessivamente circa 14 milioni e mezzo di persone sono sopravvissute al cancro e il tasso di sopravvivenza a cinque anni è aumentato nel giro di trent’anni dal 49% (1975-1977) al 68% (2003-2009).
Qui, più di metà dei decessi dovuti al tumore è collegato a cause che possono essere prevenute.
Tra i fattori che aumentano il rischio individuale di sviluppare la malattia e che possono essere eliminati, in primo luogo, il consumo di tabacco, che è responsabile di oltre il 30% dei decessi per tumore. Al secondo posto, l’obesità e il sovrappeso (20%); seguiti da patogeni (circa 15%), inattività fisica (5%), dieta non adeguata (5%), esposizione professionale ad agenti cancerogeni (5%), alcol (circa 3%), esposizione ai raggi ultravioletti e alle radiazioni ionizzanti (2%), inquinanti ambientali (2%), prescrizione di farmaci (1%).
 
Ecco i 6 consigli nel Rapporto AACR per uno stile di vita sano
Nel Rapporto AACR, vengono riportati i sei consigli per uno stile di vita più sano, eccoli:
 
"eliminare l’esposizione al tabacco;
utilizzare farmaci e vaccini per la prevenzione;
seguire una dieta sana;
aumentare l’attività fisica;
sviluppare un programma di screening per il cancro con il proprio medico;
ridurre l’esposizione al sole".
 
In particolare, 18 differenti tipi di tumore sono collegati in maniera causale all’uso di tabacco, mentre 7 tipi sono legati a obesità e sovrappeso e un caso di tumore su tre può essere associato ad obesità/sovrappeso, inattività fisica e dieta scarsa. Inoltre, l’85% dei tumori della pelle è dovuto ad esposizione solare alle radiazioni ultraviolette, mentre una protezione solare uguale o superiore al fattore SPF15 riduce il rischio individuale di sviluppare il carcinoma a cellule squamose del 40% e di sviluppare il melanoma del 50%.
Secondo il Rapporto americano, poi, i principali 4 patogeni correlati con l’insorgenza di alcuni tipi di tumore sono: l’helicobacter pylori, il virus dell’epatite B (HBV), virus epatite C (HCV) e il papillomavirus umano (HPV). A tal proposito, il Rapporto riferisce che “il ‘President’s Cancer Panel Report 2012-2013’ ha dettagliato i progressi contro il cancro causato da infezioni persistenti da papilloma virus umano e promuove la diffusione globale del vaccino per l’HPV”.
 
Il presente e le prospettive per il futuro
Inoltre, il Rapporto contiene le testimonianze di alcune persone che hanno sconfitto la malattia. Grazie alla ricerca scientifica numerosi passi si sono compiuti e si stanno compiendo. Dal 1 agosto 2013 al 31 luglio 2014, l’Fda ha approvato 6 nuove terapie antitumorali, 5 nuovi utilizzi di terapie antitumorali già esistenti, due nuovi usi per ‘imaging agent’ che servono per determinare se la massa sia benigna o maligna durante le analisi di imaging, un nuovo uso per test di screening.
 
Molti ricercatori, tra cui Carlos L. Arteaga, MD, Presidente dell’AACR, ritengono che il futuro sia radioso: “sono massimamente fiducioso che continueremo a produrre un rapido progresso nel futuro”, ha dichiarato il Presidente.
Nuovi settori di sviluppo scientifico riguardano la genomica, la biologia computazionale e la bioinformatica. “L'esplosione di nuove conoscenze sul cancro e gli emozionanti progressi tecnologici, insieme con la nostra sempre crescente comprensione di come poterli applicare”, si legge nel Report, “fornirà metodi innovativi per ridurre il carico complessivo del cancro”.
 
Viola Rita

18 settembre 2014
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy