Quotidiano on line
di informazione sanitaria
23 GIUGNO 2024
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Bambini. Sin da neonati, preferiscono giocattoli del loro stesso genere


La ricerca effettuata dalla City University di Londra suggerisce la possibilità che maschi e femmine seguano direzioni diverse nello sviluppo rispetto alla scelta di giocattoli rivolti specificamente al proprio genere, e che ci siano sia componenti biologiche sia componenti evolutivo-ambientali nelle differenze sessuali evidenziate dai differenti oggetti scelti.

14 GIU - Lo rivela un nuovo studio pubblicato dai ricercatori della City University London e della UCL: già a 9 mesi i bambini preferiscono i giocattoli rivolti specificamente al loro stesso genere. L’articolo accademico, pubblicato sulla rivista scientifica Infant and Child Development, mostra come, nel contesto familiare di un asilo nido, le differenze di genere siano evidenti in una fase precedente rispetto a quella in cui normalmente si manifesta l’identità di genere. La ricerca suggerisce pertanto la possibilità che maschi e femmine seguano direzioni diverse nello sviluppo rispetto alla scelta di giocattoli rivolti specificamente al proprio genere, e che ci siano sia componenti biologiche sia componenti evolutivo-ambientali nelle differenze sessuali evidenziate dai differenti oggetti scelti.

Per indagare le preferenze di genere in merito ai giocattoli, i ricercatori hanno osservato i diversi giocattoli scelti dai bambini durante il gioco indipendente in alcuni asili nido del Regno Unito, senza la presenza di un genitore. I giocattoli utilizzati nello studio erano una bambola, un orsacchiotto rosa e un pentolino per cucinare per le bambine, mentre per i bambini sono stati utilizzati un'automobilina, un orsacchiotto blu, una escavatrice e una palla.

I 101 bambini rientravano in tre fasce di età:

♦9-17 mesi, quando i bambini mostrano le prime preferenze nella scelta del gioco indipendente (N = 40);
♦18-23 mesi, quando si verificano importanti progressi nella conoscenza del proprio genere (N = 29);
♦24-32 mesi, quando tale conoscenza si consolida ulteriormente (N = 32).

Preferenze stereotipate tra i giocattoli sono state evidenziate sia per i bambini che per le bambine in tutte e tre le fasce di età, a dimostrazione che le differenze di genere compaiono molto presto nello sviluppo. Maschi e femmine hanno mostrato una tendenza crescente con l'età verso una preferenza di giocattoli specifici al loro genere.

A proposito di questo studio Brenda Todd, docente in psicologia presso la City University London, spiega che: 

Le differenze di genere nella scelta di giochi e giocattoli "sono importanti in relazione alla cura del bambino, alle pratiche educative e alla psicologia dello sviluppo. Storicamente non c’è mai stata certezza sulle origini delle preferenze di genere in maschi e femmine per la scelta di giocattoli rivolti specificamente al loro genere, né sui processi di sviluppo che sottendono a tale comportamento. Di conseguenza abbiamo deciso di scoprire se effettivamente ci sia tale preferenza, e a quale età si manifesti."

Le differenze biologiche “dotano i maschi di un'attitudine alla rotazione mentale e di una capacità e di un interesse maggiore verso le abilità spaziali, mentre le femmine sono più interessate a osservare i volti e più brave nella motricità fine e nella manipolazione degli oggetti. Al momento dello studio delle preferenze verso i giocattoli nell’ambiente familiare di un asilo nido senza la presenza dei genitori abbiamo notato che le differenze erano coerenti con queste attitudini. Anche se era presente una variabilità individuale tra i bambini, si è potuto osservare che in generale i maschi giocavano con giochi rivolti ai maschi soprattutto, così come le femmine giocavano per la maggior parte con giochi rivolti alle femmine."

"I nostri risultati - ha concluso - indicano che ci sono differenze significative di genere nella scelta dei giocattoli attraverso tutte e tre le fasce di età, con una scoperta particolarmente interessante individuata nei bambini della fascia d’età inferiore, compresa tra i 9 e i 17 mesi, nel momento in cui iniziano a gattonare o imparano a camminare e quindi a effettuare scelte indipendenti: la palla è la scelta preferita tra i maschi, mentre le bambine preferiscono il pentolino per cucinare". 
 

14 giugno 2016
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy