Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Sabato 24 FEBBRAIO 2024
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Sessualità consapevole. Italia al 12° posto in Europa. “Se ne parli a scuola”, chiede la Sic


Secondo una ricerca di Skuola.net e Società italiana della contraccezione condotto su circa 7mila studenti tra gli 11 e i 25 anni, circa 1 ragazzo su 3 dichiara di essere sessualmente attivo ma l’11% non si protegge durante un rapporto e fra gli under 14 addirittura il 42%. Per la Sic: "Non manca solo un’informazione corretta e autorevole ma anche l’educazione a una sessualità consapevole e non improvvisata".

26 SET - Informare sì, spiegare è meglio. L’importanza della contraccezione è un tema sempre attuale e la giornata mondiale della contraccezione di oggi riporta l’attenzione sul bisogno di informazione sulla sessualità, sulla contraccezione e sulla fertilità.
 
La disinformazione è ancora tanta. Secondo una ricerca di Skuola.net e Sic – Società Italiana della Contraccezione, su circa 7mila studenti tra gli 11 e i 25 anni, 1 su 10 di chi ha avuto rapporti non usa mai il preservativo o altri metodi contraccettivi. Questo si riflette su pratiche che non garantiscono la protezione né da malattie sessualmente trasmissibili, né da gravidanze indesiderate: di media, circa 1 ragazzo su 3 dichiara di essere sessualmente attivo ma l’11% non si protegge durante un rapporto e fra gli under 14 addirittura il 42%.

Da questo quadro, a parere della Sic, emerge che non manca solo un’informazione corretta e autorevole ma anche l’educazione a una sessualità consapevole e non improvvisata. La prima proposta di legge per l'insegnamento dell'educazione sessuale nelle scuole risale al 1904. "Se fosse passata - ricorda la Società italiana della contraccezione - saremmo stati all'avanguardia e invece, peggio di noi, al 12° posto in Europa, solo Cipro, Romania, Lituania e Repubblica Ceca". A evidenziarlo è il barometro presentato dall'Ippf (International Planned Parenthood Federation), la più vasta rete globale di associazioni per la libertà e la salute delle donne attiva in 170 Paesi, che ha valutato 16 nazioni europee. Il gap sta proprio nella mancata educazione sessuale nelle scuole e nell’inadeguatezza delle strutture che dovrebbero offrire assistenza ai giovani disorientati.

“Come Sic (società italiana della contraccezione) – ha spiegato il past president Sic Annibale Volpe – siamo impegnati a diffondere e stimolare la conoscenza in materia di contraccezione favorendo l'informazione e promuovendo l'educazione sulla fisiopatologia della riproduzione. Quest’anno siamo stati promotori di incontri nelle scuole superiori per parlare con gli studenti di questi temi. I giovani hanno bisogno di essere indirizzati sia sull’importanza della prevenzione delle Malattie Sessualmente Trasmissibili e della contraccezione, sia sul rispetto per il proprio corpo e di quello del proprio partner, senza dimenticare la sfera affettiva, per vivere serenamente la propria sessualità ed evitare situazioni che possano portare disagi e problemi. Nel parlare di sessualità, - ha concluso Volpe - urge quindi l’adozione di una prospettiva educativa attraverso un confronto che tenga conto innanzitutto del linguaggio dei giovani”.

26 settembre 2016
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy