Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 29 MAGGIO 2024
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Sport. RMN non cambia diagnosi di lesione del bicipite

di Scott Baltico

La diagnosi e la terapia degli infortuni muscolari è un autentico spartiacque tra atleti professionisti e amatori, con i primi che hanno un accesso immediato alle indagini strumentali. Ma per quanto riguarda la lesione del bicipite questa differenza si azzera. Eseguire in ritardo una RMN non cambia la diagnosi.

23 GEN - (Reuters Health) – Un ritardo nell’effettuare la Risonanza Magnetica Nucleare in caso di infortunio al bicipite femorale non produce conseguenze sulla guarigione della patologia traumatica.Uno studio condotto da medici arabi ha dimostrato, infatti, che i risultati della Risonanza Magnetica Nucleare dopo una lesione acuta del bicipite femorale rimangono sostanzialmente invariati nel corso della prima settimana; quindi un ritardo della diagnosi strumentale non è importante ai fini della conferma della diagnosi.
 
Lo studio
In un piccolo studio prospettico, atleti di sesso maschile professionisti e dilettanti sono stati sottoposti a Risonanza Magnetica Nucleare ogni giorno per sette giorni a partire da quello seguente al sospetto infortunio al bicipite. La lesione (rottura) delle fibre muscolari è stata rilevata sin dal primo giorno dopo l’incidente. Gorno dopo giorno la variazioni del grado di edema nel corso della prima settimana erano risultate insignificanti.
 
“La Risonanza Magnetica Nucleare può essere eseguita ogni giorno durante la prima settimana in conseguenza di un infortunio acuto al bicipite femorale con risultati equivalenti e questo offre al personale medico e all’atleta una maggiore flessibilità nella tempistica con cui si esegue una RMN senza per questo sacrificare l’accuratezza dell’indagine”, hanno scritto gli autori dello studio nell’editoriale che ne ha accompagnato la pubblicazione sul British Journal of Sports Medicine .”
 
E’ difficile stabilire con quanto ritardo si esegue una RMN e quanto è frequente – ha detto Arnlaug Wangensteen, dell’ospedale ortopedico di Doha in Quatar – infatti, la disponibilità delle Risonanze Magnetiche Nucleari può variare da Paese a Paese e dipende anche dal tipo di sport; nello sport professionistico di solito l’accesso a questa indagine è più veloce e l’esame viene eseguito entro la prima settimana dall’infortunio, invece per gli atleti amatoriali i tempi di attesa sono spesso molto più lunghi”.

Fonte: British Journal of Sports Medicine

Scott Baltico

(Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science) 

23 gennaio 2017
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy