Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 15 APRILE 2024
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Bambini. Un divorzio “rancoroso” dei genitori abbassa le difese immunitarie

di Lisa Rapaport

Se i genitori hanno divorziato in modo brusco, interrompendo i rapporti tra loro, i figli, sia durante l’infanzia, sia nell’età adulta, saranno più vulnerabili alle sindromi respiratorie. Lo stesso non può dirsi per i figli di coloro che si separano rimanendo in rapporto amichevoli. Lo studio è stato pubblicato da PNAS.

07 LUG - (Reuters Health) – I bambini i cui genitori si separano e non hanno più rapporti sembrano essere più vulnerabili a sindromi respiratorie come i raffreddori rispetto ai bimbi i cui genitori rimangono sposati o si separano rimanendo in buoni rapporti. “In letteratura ci sono evidenze circa la predisposizione ad ammalarsi, nell’infanzia e nell’età adulta, di bambini figli di genitori divorziati”,  dice Michael Murphy, psicologo ricercatore dell’Università Carnegie Mellon di Pittsburgh.

Lo studio
Per realizzare lo studio i ricercatori hanno isolato 201 adulti sani, esposti a rinovirus39 (RV39) e li hanno monitorati per cinque giorni ,per vedere come l loro sistemi immunitari reagivano e se sviluppavano la sindrome respiratoria.I partecipanti alla ricerca avevano in media 30 anni e 92 di loro (46%) hanno riferito che i genitori erano divorziati o separati da quando erano bambini. Tra quanti avevano genitori divorziati, 51 avevano riferito che i genitori non si parlavano. Lo studio ha evidenziato che gli adulti con genitori divorziati in cattivi rapporti avevano il triplo delle possibilità di sviluppare un raffreddore rispetto agli adulti i cui genitori vivevano insieme.

Le persone con genitori divorziati in buoni rapporti e che avevano continuato a parlarsi non erano più suscettibili di ammalarsi rispetto agli adulti appartenenti a famiglie unite. I figli di coppie divorziate che avevano smesso di parlarsi avevano 3,3 volte più probabilità di sviluppare raffreddori rispetto a quelli con genitori che erano rimasti insieme. I primi presentavano anche livelli più elevati di un indicatore di infiammazione e questo potrebbe spiegare perché erano più inclini ad ammalarsi. In totale, il 74% dei partecipanti allo studio ha sviluppato un’infezione da RV39.

Fonte: PNAS

Lisa Rapaport

(Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

07 luglio 2017
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy