Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 26 FEBBRAIO 2024
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Emicrania. Ketamina efficace in chi non risponde alle terapie

di Megan Brooks

La ketamina sarebbe efficace nel ridurre il dolore da emicrania nei pazienti che non rispondono alle terapie. A dimostrarlo è uno studio statunitense presentato all’incontro annuale dell’American Society of Anesthesiologists a Boston

24 OTT - (Reuters Health) – La ketamina mostra la sua efficacia su tre quarti dei pazienti trattati con un’infusione. Partendo da questa evidenza i ricercatori del Thomas Jefferson University Hospital di Philadelphia  hanno valutato 61 pazienti con emicrania o altra tipologia di mal di testa incurabile, trattati con ketamina tra il 2014 e il 2016. Il dosaggio utilizzato è stato di 1 mg/kg l’ora. Mentre per la valutazione del dolore i ricercatori hanno considerato una scala da zero (nessun dolore) a 10 (dolore peggiore). Il dolore si attestava in media al punteggio di 7,5 al momento del ricovero in ospedale e di 3,4 alle dimissioni.

Una differenza statisticamente significativa, anche rispetto al valore più basso medio riscontrato durante il ricovero, pari a 3,1. Le infusioni sono durate dai tre ai sette giorni, con una media di 5,1 giorni. I pazienti provavano il dolore minimo al quarto giorno. Gli effetti indesiderati, infine, sarebbero stati “generalmente lievi” e non avrebbero obbligato i pazienti a sospendere il trattamento, ad eccezione di uno che avrebbe sospeso la terapia dopo un giorno. Tra gli effetti indesiderati ci sarebbero stati: sedazione, nel 51% dei casi, visione offuscata, nel 38% dei pazienti, nausea/vomito, nel 38%, allucinazioni, nel 28%, sogni vividi, nel 13%, e ipotensione, nel 5%.

Le evidenze
“Più o meno a 30 giorni dopo la dimissione, circa il 40% dei pazienti continua a sentirsi meglio rispetto al dolore che provava prima di rivolgersi al medico. Non è ancora chiaro per quanto tempo permangono i benefici, ma un certo numero di pazienti avrebbe un sollievo duraturo”, dice Eric Schwenk, co-autore della ricerca. Mentre per quel che riguarda i trattamenti ripetuti, “nella nostra esperienza, i pazienti che hanno risposto spesso provano lo stesso sollievo quando tornano per sottoporsi di nuovo alla terapia – sottolinea il ricercatore – anche se questo non è generalizzabile per tutti i pazienti e chi non prova sollievo alla prima infusione potrebbe trarre giovamento da trattamenti successivi”.

Fonte: American Society of Anesthesiologists

Megan Brooks

(Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

24 ottobre 2017
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy