Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 04 MARZO 2024
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Essere single fa male al cuore: rischio morte per infarto più alto del 40% risptto a chi è sposato. E per i vedovi è ancora peggio: +70%

di Maria Rita Montebelli

Stando ai risultati di una ricerca appena pubblicata sul giornale dell’American Heart Association su oltre 6 mila pazienti, con età media di 63 anni, avere una moglie o un marito al proprio fianco è più potente di una manciata di medicine per un cardiopatico sessantenne. Single impenitenti e divorziati hanno infatti un rischio maggiorato del 40% di morire per cause cardiovascolari o di fare un infarto; rischio che si impenna al 70% nei vedovi

20 DIC - Essere single non fa bene al cuore. Almeno a quello dei pazienti sessantenni, maschi o femmine non importa. Lo dimostra uno studio serissimo, appena pubblicato su Journal of American Heart Association, condotto su oltre 6 mila pazienti, con età media di 63 anni, sottoposti a cateterismo cardiaco per ischemia e seguiti per 3,7 anni (nel corso del quale sono stati registrati 272 infarti e 688 casi di mortalità per cause cardiovascolari).
 
Rispetto ai ‘controlli’ tra gli sposati, i cardiopatici divorziati/separati, vedovi o scapoli impenitenti (comunque non sposati) presentavano:
· una mortalità per tutte le cause superiore del 24%,
· un rischio di mortalità per cause cardiovascolari maggiorato del 45%,
· un rischio composito di mortalità cardiovascolare/infarto più alto del 52%.
 
Gli autori hanno stratificato ulteriormente quest’ultima categoria di rischio (mortalità cardiovascolare/infarto)  basandosi sullo stato maritale del paziente; questo li ha portati a scoprire che la categoria più a rischio, tra i non coniugati, è quella dei vedovi.
Il rischio di mortalità cardiovascolare/infarto è risultato infatti:
· del 40% superiore tra i single da una vita
· del 41% maggiore tra i divorziati/separati
· del 71% più alto tra i vedovi
 
La presenza di una moglie o di un marito insomma, per i pazienti cardiopatici, può fare veramente la differenza tra la vita e la morte.
I single dello studio erano più numerosi tra i neri e tra le donne, erano ipertesi e soffrivano di scompenso cardiaco, presentavano elevati valori di colesterolo e fumavano mediamente di più dei pazienti sposati.
 
 “Sono rimasto assolutamente sorpreso – ammette tranquillamente l’autore della ricerca Arshed Quyyumi, condirettore dell’Emory Clinical Cardiovascular Research Institute e professore di medicina presso la Emory University di Atlanta (Usa) – dall’entità dell’influenza giocata dall’essere sposati o meno nei pazienti cardiopatici. Il supporto sociale fornito dal matrimonio, accanto ai molti altri benefici dell’avere un compagno o una compagna, sembra veramente importante per i cardiopatici”. Al punto che adesso i cardiologi americani stanno valutando di considerare lo stato civile nel definire il trattamento dei pazienti cardiopatici; i single potrebbero infatti beneficiare di un supporto psicologico o di un trattamento e follow-up più aggressivo e stringente rispetto agli sposati.
 
Considerazioni queste che andranno naturalmente vagliate da studi futuri perché questi risultati sono frutto di una ricerca retrospettiva, con tutti i limiti del caso.
 
Lo studio è stato supportato da grant dei National Institutes of Health e della Abraham J. & Phyllis Katz Foundation (Atlanta, Usa) .
 
Maria Rita Montebelli

20 dicembre 2017
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy