Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 28 FEBBRAIO 2024
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Antibiotico-resistenza. I farmaci contro il cancro la possono sconfiggere


Quello della tolleranza agli antibiotici è un problema in crescita. Dal Canada la soluzione: gli inibitori delle protein-chinasi, usati nei farmaci antitumorali, sarebbero in grado di bloccarla. I ricercatori: “Da oggi guarderemo i vecchi medicinali con nuovi occhi”.

24 DIC - Talvolta le soluzioni sono a portata di mano, e non ce ne accorgiamo neanche. Deve essere stato questo il pensiero del team di ricerca della McMaster University che ha fatto la scoperta che potrebbe risolvere il problema dell’antibiotico-resistenza. Sarebbero infatti i farmaci usati per sconfiggere il cancro a risolvere questo problema relativamente recente ma che già preoccupa in tutto il mondo. Il risultato emerge da un lavoro pubblicato dal gruppo di ricerca sulla rivista Chemistry & Biology. “Lo studio dimostra che alcune proteine, chiamate chinasi, che innescano la tolleranza agli antibiotici, potrebbero essere collegate anche allo sviluppo del cancro”, ha spiegato Gerry Wright, direttore dell’Istituto che all’interno dell’ateneo canadese si occupa delle malattie infettive.
 
I ricercatori hanno analizzato l’efficacia di 80 farmaci inibitori delle protein-chinasi quando usati contro 14 molecole resistenti agli antibiotici. “Il settore farmaceutico ha sviluppato un gran numero di composti e farmaci basati su queste proteine, che vengono usate contro il cancro”, ha continuato Wright. “Oggi tutto quel lavoro deve essere guardato con nuovi occhi, perché potrebbe risolvere il problema dell’antibiotico-resistenza”.
L’analisi ha identificato farmaci antitumorali – sia ad ampio spettro che ad azione mirata – che possono potenzialmente cancellare la tolleranza agli antibiotici. Secondo i ricercatori, sono proprio gli inibitori delle protein-chinasi ad avere il merito di questa capacità. “Serviranno ulteriori studi per determinarlo con sicurezza – ha specificato il ricercatore – ma questi e nuovi farmaci potrebbero portare allo sviluppo di terapie innovative, che non presentano i problemi delle precedenti”.
 
Insomma, l’antibiotico-resistenza potrebbe avere i giorni contati.“Uno dei problemi che avevamo era proprio quella di trovare il modo di arginare il problema della diffusione della tolleranza ai farmaci”, ha detto Wright, concludendo: “Non sapendo come sintetizzare molecole che non avessero questo problema, abbiamo pensato prima di controllare se per caso tra quelli già prodotti negli ultimi cinquanta anni non ce ne fosse qualcuno efficace. Il risultato era proprio lì, a portata di mano. Un frutto che andava solo colto”.
 
Laura Berardi

24 dicembre 2011
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy