Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 18 APRILE 2024
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Conservazione della fertilità. Meglio congelare gli ovociti entro i 36 anni


In Spagna è stato realizzato il più grande studio, a oggi, sulle donne che si sottopongono alla cosnervazione della fertilità anche per motivi oncologici. Il tasso di successo di un’eventuale gravidanza si alza se il congelamento degli ovociti viene fatto prima die 36 anni

14 NOV - (Reuters Health) – Le donne che si sottopongono alla conservazione della fertilità (Fp) hanno più probabilità di avere un bambino vivo se congelano gli ovociti prima del loro trentaseiesimo compleanno. È quanto emerge da uno studio condotto dall’Università Ivirma-Valencia e coordinato da Ana Cobo, il più grande mai realizzato su questo tema, che ha coinvolto 6.362 donne.

Lo studio
. Nel gruppo preso in esame dal team di ricerca, 5.289 le pazienti che avev ano optato per la conservazione della fertilità sono state sottoposte a 7.044 cicli, mentre le 1.073 pazienti che avevano optato per questa metodica per ragion oncologiche sono state sottoposte a 1.172 cicli. Le pazienti Efp erano mediamente più anziane rispetto a quelle Onco-Fp (rispettivamente 37,2 contro 32,3) e l’81,1% del gruppo Efp aveva congelato gli ovociti dopo i 35 anni, mentre il 69,9% del gruppo Onco-Fp aveva meno di 35 anni al momento della conservazione. Il gruppo Efp ha avuto meno ovociti recuperati e vetrificati per ciclo rispetto al gruppo Onco-FP, sebbene i numeri per paziente fossero simili.
 
Un numero maggiore di donne del gruppo Efp sono tornate per tentare la gravidanza rispetto al gruppo Onco-Fp (12,1% vs 7,4%). I tassi di impianto sono stati del 42,6% per le Efp e del 32,5% per le Onco-Fp.
Tra le donne under35, i tassi di gravidanza sono stati del 57,7% con Efp e del 35,7% con Onco-Fp, mentre i tassi di natalità rispettivamente del 68,8% e del 42,1%.

Il rapporto di probabilità aggiustato per la sopravvivenza dell’ovocita è stato di 1,92 (p = 0,025) per le donne di età inferiore a 36 rispetto alle donne più anziane, mentre per Clbr è stato di 3,11 (p = 0,0001).

“Sebbene il tasso di impianto fosse significativamente più basso nelle pazienti Onco-Fp, l’impatto della malattia del cancro di per sé non è stato dimostrato. Le pazienti Efp dovrebbero essere consigliate in base all’età e al numero di ovociti disponibili”, hanno concluso gli autori.

Fonte: Hum Reprod 2018

 
Reuters Staff
 

(Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

14 novembre 2018
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy