Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 07 APRILE 2020
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Menopausa: l’esposizione agli estrogeni riduce il declino cognitivo

Uno studio condotto dalla Utah State University ha fatto luce sul rapporto tra esposizione agli estrogeni e declino cognitivo, facendo emergere un’associazione significativa tra questi ormoni e il fenomeno neurodegenerativo. Lo studio ha coinvolto oltre 2mila donne

29 OTT - (Reuters Health)– “Stanno emergendo ulteriori prove del fatto che gli ormoni sessuali, come gli estrogeni, siano associati alla cognizione e alla salute del cervello”, dice Joshua Matyi, della Utah State University e primo autore di uno studio che ha suggerito un’associazione tra esposizione agli estrogeni e il rallentamento del declino cognitivo nelle donne. La ricerca è stata pubblicata da Menopause.
 
Lo studio
Joshua Matyi e colleghi hanno esaminato i dati relativi a 2.114 donne incluse in uno studio sulla memoria e l’invecchiamento. Tra queste, 833 non si erano mai sottoposte a terapia ormonale. L’esposizione agli estrogeni endogeni (EEE) in media era di 33 anni.
 
Per ogni anno in più di EEE, i valori del MMSE (Mini-Mental State Examination) erano di 0,05 punti più alti (P ​​= 0,008). Dopo l’aggiustamento, il collegamento è stato in qualche modo attenuato (0.02, P = 0.054).
 
Anche ogni anno aggiuntivo di terapia ormonale era associato a un punteggio del MMSE più alto. L’effetto dell’esposizione agli ormoni variava in base all’età: nelle donne di età pari o superiore a 75 anni, un’esposizione più lunga era associata a punteggi più elevati, nelle donne più giovani avveniva il contrario.

Le donne che avevano iniziato una terapia ormonale entro cinque anni dalla menopausa avevano punteggi più elevati rispetto a quelle che l’avevano iniziata in seguito.
 
Le prossime ricerche dovrebbero analizzare i fattori esterni che comportano un’interruzione dell’esposizione agli estrogeni, “come il cancro e i trattamenti per il cancro”, ha aggiunto Matyi.
 
“Grazie a un numero crescente di ricerche, conosciamo meglio sia i rischi sia i benefici associati alla terapia ormonale. Un’ulteriore comprensione consentirà ai medici di formulare raccomandazioni terapeutiche mirate”.
 
Fonte: Menopause 2019
 
Anne Harding
 
(Versione Italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

29 ottobre 2019
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy