Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 07 DICEMBRE 2022
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Vaccino Covid. Probabile autorizzazione speciale Ema entro 2020, ma si tratta su scudo legale in caso di eventi avversi

di Luciano Fassari

La Fase 3 della sperimentazione del vaccino contro il Covid di Astrazeneca dovrebbe terminare non prima della primavera del 2021. Ma in ogni caso l’Agenzia europea del farmaco dovrebbe concedere un’autorizzazione speciale entro la fine del 2020 per iniziare la somministrazione per le fasce più a rischio della popolazione europea. Ma cosa succederà in caso di eventi avversi e possibili denunce? Il tema è al centro della contrattazione.

14 LUG - Il vaccino contro il Covid che dovrebbe arrivare prima è quello di Astrazeneca su cui l’Italia e altri Paesi Ue hanno già opzionato le dosi.
 
Ma la Fase 3 del vaccino, che a quanto risulta non dovrebbe però dare una completa immunizzazione ma attenuare gli effetti gravi del virus, terminerà solo verso la Pasqua del prossimo anno.
 
Ma in ogni caso sembra che visiti i primi risultati promettenti l’Agenzia europea del farmaco potrebbe concedere già entro la fine del 2020 una specie di autorizzazione speciale per l’immissione in commercio del vaccino (serviranno due dosi) in modo da poter iniziare la somministrazione alle fasce più fragili della popolazione europea.
 
Ma cosa succederà se vi saranno eventi avversi in seguito alla somministrazione? Di chi sarà la responsabilità? Il punto, infatti, è che mediamente per l’immissione in commercio di un vaccino i tempi sono molto lunghi, anche 10 anni, mentre in questo caso ci troveremo di fronte ad un vaccino, che seppur con un notevole sforzo di ricerca e sperimentazione, sarà messo a punto in poco più di un anno. Detto ciò il tema delle responsabilità legali è di attualità e infatti a quanto si apprende è oggetto di trattativa tra l’Ue e l’azienda.
 
Lo schema su cui si sta ragionando è quello di prevedere che la responsabilità sia degli stati per quanto riguarda la fase precedente alla conclusione della Fase 3. A quel punto vi sarà un periodo di corresponsabilità e alla fine, quando l’iter della sperimentazione sarà completato la responsabilità sarà ij capo all’azienda.
 
Il tema chiaramente è molto caldo, visto lo scetticismo sui vaccini in generale e ancor di più di fronte ad una malattia nuova come il Covid.
 
 
Luciano Fassari

14 luglio 2020
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy