Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Venerdì 24 SETTEMBRE 2021
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Vaccini Covid. Possibile ritardo nelle consegne da parte di Johnson alla Ue. “Non garantiti i 55 mln di dosi per secondo trimestre”. Ma l’azienda conferma impegni 


Nuova possibile tegola sulla campagna vaccinale europea. Secondo quanto appreso dall’agenzia Reuters l’azienda americana avrebbe comunicato all’Unione di aver problemi di produzione e che sarebbe a rischio la fornitura dei 55 mln di dosi previste nel secondo trimestre di cui 7,3 mln per l’Italia. Il vaccino di J&J dovrebbe essere approvato da Ema il prossimo 11 marzo. Ma l'azienda in serata ha confermato che rispetterà i suoi impegni con la UE.

09 MAR - Nuova doccia fredda sulla campagna di vaccinazione europea. Johnson & Johnson avrebbe dichiarato all'Unione Europea che sta affrontando problemi di approvvigionamento e che ciò potrebbe complicare i piani per fornire 55 milioni di dosi del suo vaccino COVID-19 nel secondo trimestre dell'anno. È quanto riporta l’agenzia Reuters che cita come fonte un funzionario dell'UE che è vouto restare anonimo.
 
Un eventuale ritardo rappresenterebbe un ulteriore colpo ai piani di vaccinazione dell'UE, che sono stati già ostacolati da forniture irregolari da altri produttori di vaccini e da una lenta introduzione dei vaccini in molti Stati membri.
 
“J&J avrebbe detto all'UE la scorsa settimana che i problemi con la fornitura di ingredienti e attrezzature per i vaccini significavano che era "sotto stress" per raggiungere l'obiettivo di fornire 55 milioni di dosi entro la fine di giugno, il funzionario dell'UE - che è direttamente coinvolto in colloqui confidenziali con la compagnia statunitense” ha detto alla Reuters la fonte anonima dell’Ue.

 
Il funzionario ha aggiunto che la società aveva detto che non era impossibile raggiungere l'obiettivo, ma che ha mostrato cautela.
 
Ricordiamo che il vaccino di J&J richiede una sola dose per la protezione e dovrebbe essere approvato l'11 marzo dall’Ema per l'uso nell'UE. 
 
"In linea con il nostro accordo, prevediamo di iniziare a fornire il nostro impegno di 200 milioni di dosi all'Unione europea nel secondo trimestre del 2021", ha affermato J&J in una nota, rifiutandosi di commentare possibili ritardi o l'obiettivo del secondo trimestre.
 
Anche un portavoce della Commissione europea ha rifiutato di commentare i programmi di consegna di J&J. Un documento interno del ministero della Salute tedesco del 22 febbraio e un programma pubblicato dal ministero della Salute italiano il 3 marzo, confermano che in base al contratto dell'UE J&J si era impegnata a erogare circa 55 milioni di dosi nel secondo trimestre.
Ciò include circa 10 milioni in Germania e 7,3 milioni in Italia. Le forniture dovrebbero raddoppiare nel terzo trimestre, mostrano i due programmi. Ma J&J non ha ancora fornito dati sulle consegne programmate. "Non sappiamo davvero quanto aspettarci", ha detto il funzionario dell'UE.

09 marzo 2021
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy