Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 19 OTTOBRE 2021
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Epilessia refrattaria, “effetto Mozart K448”. Ascoltare almeno 30 secondi della sonata riduce scariche epilettiformi interictali

di Marilynn Larkin

Un piccolo campione di pazienti con epilessia refrattaria è stato esposto all’ascolto di brani musicali dopo episodi di crisi. Tra tutti i brani, la Sonata 448 di Mozart, ascoltata per almeno 30 secondi, ha fatto registrare una diminuzione dell’attività elettrica associata all’epilessia.

24 SET - (Reuters Health) – L’hanno definito “effetto Mozart K448”: ascoltare per almeno 30 secondi la Sonata per due pianoforti in re maggiore (K448) del compositore austriaco porta a una riduzione di attività elettrica associata all’epilessia resistente ai farmaci. A evidenziarlo è stata una ricerca pubblicata su Scientific Reports da un team di scienziati guidato da Robert Quon, del Dartmouth College di Hannover, negli Stati Uniti.

Lo studio. Quon e colleghi hanno preso in considerazione 16 persone in monitoraggio per epilessia refrattaria, per determinare se la durata dell’esposizione a dei brani musicali fosse un fattore importante nel suscitare un effetto sull’attività elettrica cerebrale. I partecipanti dovevano ascoltare una serie di clip di 15 o 90 secondi, inclusa la sonata K448 di Mozart. Tutte le sessioni dell’esperimento, 1,81 in media, sono state eseguite almeno quattro ore dopo la crisi più recente.

Dai risultati è emersa una riduzione delle scariche epilettiformi interictali (IED), ovvero tra una crisi e l’altra, dopo almeno 30 secondi di ascolto della versione originale della sonata K448, ma non durante l’ascolto di una versione modificata. Riduzioni non significative del tasso di IED, inoltre, sono state osservate in tutte le regioni del cervello, ad eccezione delle cortecce frontali bilaterali, dove c’è stato un aumento della potenza theta. Infine, sono state osservate alterazioni IED non significative quando si ascoltavano tutti gli altri brani musicali.


Con questo studio, “forniamo una prova quantitativa dell’attivazione preferenziale delle reti emotive frontali con la sonata K448 di Mozart”, ha spiegato Quon, secondo il quale la sonata del musicista austriaco “potrebbe evocare circuiti emotivi suscitando una risposta positiva”. La sonata K448, inoltre, “è stato l’unico pezzo che ha mostrato una significativa riduzione globale, in media del 66,5%, degli eventi tra le crisi, tra tutti gli stimoli musicali inclusi nello studio”, ha sottolineato il ricercatore americano.

Secondo l’esperto, “potrebbe esserci qualcosa di speciale nella sonata K448 riguardo all’epilessia, ma sono necessarie ulteriori ricerche per comprendere bene in che modo la stimolazione musicale possa esercitare effetti terapeutici sul cervello”. Il sogno finale degli autori è comunque quello di definire un genere musicale ‘antiepilettico’, “per sfruttare la musica al fine di migliorare la vita di chi soffre di epilessia”, ha concluso Quon.

Fonte: Scientific Reports

Marilynn Larkin

(Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

24 settembre 2021
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy