Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 28 FEBBRAIO 2024
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Il welfare italiano in scena a Bologna. Si apre il Forum per la non autosufficienza 2013


20 NOV - Due giornate di lavoro per discutere lo stato dell’arte dell’assistenza alla non autosufficienza in Italia e le proposte per potenziarla. L’appuntamento è a Bologna, dove oggi e domani andrà in scena il Forum per la Non Autosufficienza nel corso del quale sarà anche presentato il IV Rapporto nazionale sull’assistenza agli anziani non autosufficienti in Italia tra crisi e ripartenza.

Nelle due giornate di lavoro 700 operatori (medici, assistenti sociali, infermieri, operatori socio-sanitari, professionisti della sanità, studiosi della sanità, direttori e dirigenti di strutture ospedaliere, amministratori pubblici…) si incontreranno per parlare di management strategico delle aziende, servizi alle persone, livelli essenziali delle prestazioni (LEA), diagnosi sociale, leadership nelle RSA, disabilità e domiciliarità. Di tutte le prestazioni che, dunque, compongono il welfare e la sanità italiana e che devono fare i conto con un momento critico e difficile, nel quale, però, alla 'depressione' deve assolutamente fare da contraltare una vera strategia d'azione.
Lo conferma anche il professor Cristiano Gori, direttore di Welfare Oggi e docente presso l'Università Cattolica di Milano. “Il rapporto per la prima volta ci dice che l'offerta non aumenta più ma inizia a diminuire – ha detto Gori - Questo non era mai successo prima, e abbiamo dati molto chiari: diminuzione degli utenti nell'indennità di accompagnamento e negli assegni di cura degli enti locali, ma anche nei servizi. Il messaggio fondamentale è che lo scenario sta cambiando, e il rapporto prova a realizzare in pratica il significato della riduzione dei servizi e il suo impatto sugli utenti. Al ForumNA racconteremo i numeri della crisi e poi proveremo a proporre una mappa delle principali conseguenza di questa riduzione dei servizi. Da una parte – ha proseguito Gori - vogliamo fare un quadro sulle conseguenze della crisi, ma non essere per forza pessimisti sul domani. Per questo, nella seconda parte della plenaria, cercheremo di individuare le possibili risposte alla crisi sia a livello di singoli operatori che di miglioramenti delle complessive politiche di welfare. E' questo il marchio di fabbrica del nuovo Forum: mantenere lucidità ma non deprimersi, anzi ragionare per costruire un futuro migliore partendo dai dati".

Le sfide da vincere e i messaggi da lanciare, quindi, sono molteplici. Tre, in particolare, quelli evidenziati da Gori: 1) come trovare adeguate risorse, e qui si parte dai dati ma anche dalla politica perché senza un maggior finanziamento pubblico non avremo mai servizi che funzionano; 2) come non rinunciare alla presa in carico, ossia tutto quello che è la costruzione del rapporto con la famiglia e la verifica nel tempo di un progetto, visto che qui i tagli sono stati pressoché totali e hanno avuto ricadute pesanti sui servizi; 3) come mantenere la qualità dei servizi, che purtroppo si sta abbassando in diverse regioni italiane e spesso succede senza neppure accorgersene.
 

20 novembre 2013
© Riproduzione riservata

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy