Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Venerdì 12 AGOSTO 2022
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Ricciardi: “Calo speranza di vita è segnale di forte allarme. Regioni investano in prevenzione”


26 APR - “Esistono dei momenti storici dove le cose vanno dette e in Italia per la prima volta è diminuita l’aspettativa di vita. Un segnale di allarme forte che ha pochissimi precedenti nel mondo occidentale. In tempo di pace l’unico in un paese democratico è la Danimarca 21 anni fa e invece in un paese che veniva da un regime totalitario è la Russia post comunista che invece d’investire in prevenzione si è disgregata”. A confermare la possibile correlazione tra calo dell’aspettativa di vita e i tagli e la poca prevenzione è il presidente dell’Iss e curatore del rapporto Osservasalute 2015, Walter Ricciardi.
 
Ma cosa fare a questo punto? Per Ricciardi occorre “seguire l’esempio danese che rilevati i fattori di rischio (alcol e fumo principalmente) ha investito in prevenzione a 360 gradi e ha avuto risultati incredibili”.
 
Per quanto riguarda l’allarme in Italia Ricciardi ha ricordato che potrebbe esserci un legame tra il calo dell’aspettativa di vita e i tagli e alla scarsa prevenzione. “Certo che c’è. I tagli hanno diminuito i servizi dati ai cittadini e questo può aver contribuito insieme ad una scarsa prevenzione, al calo delle vaccinazioni, e ai pochi screening oncologici”.
 
“Noi stiamo incominciando a vedere un segnale d’allarme – ha precisato -  e speriamo che il trend possa essere immediatamente invertito. Come? Vi pare normale che siamo l’ultimo paese al mondo per la prevenzione? Queste sono le grandi sfide e il Ministro ce la mette tutta, ma noi abbiamo una sanità frammentata”.
 
Altro commento sull’aumento della mortalità. “Abbiamo avuto la più grande epidemia di mortalità della storia dall’unità di Italia. I 54mila morti dell’anno scorso sono dovuti da un lato certamente ad una popolazione vecchia, ma dall’altro, ci sono state le complicanze da influenza (solo il 45% degli over 65 si è vaccinato) e poi di fatto i servizi che non riescono a dare risposte ai cittadini”.
 
Ricciardi è intervenuto anche sul modello H16 per la medicina di famiglia previsto dal nuovo Atto d’indirizzo per il rinnovo della convenzione. “Questi cambiamenti sono importanti ma non risolvono i problemi che abbiamo citato oggi. È chiaro che riorganizzazione servizi per garantire continuità assistenziale ai cittadini è cruciale. Però quello che noi dobbiamo fare è ripensare decisamente la struttura. Noi non possiamo avere regioni che hanno ancora il 90% degli ospedali con meno di 120 pl, che non vanno chiusi però ma vanno riconvertiti in strutture che vanno a presidiare questa continuità assistenziale”.
 
“Ora – ha spiegato Ricciardi - in Italia c’è una consolidata resistenza delle nostre amministrazioni regionali a non investire in prevenzione. Le regioni nonostante gli incoraggiamenti continuano a investire i soldi negli ospedali e poco in prevenzione. Noi siamo il fanalino di coda del mondo e iniziamo a vederne i primi effetti. Per questo noi guardiamo con attenzione il ritorno dello stato della competenza sulla sanità perché oggi non lo può fare”. 

26 aprile 2016
© Riproduzione riservata

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy