Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 23 APRILE 2024
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Epatiti. Trend in lieve aumento dei casi A, B ed E, in calo la C. Ancora insufficienti i test per la ricerca dell’epatite D. I nuovi dati dell’Iss


L’Epatite A ha colpito maggiormente le donne (59%), Lombardia e Toscana le Regioni con più casi. 153 i nuovi casi di Epatite B acuta: + 44 rispetto al 2022. l’Epatite E supera quella C diventando nel 2023 la terza causa più frequente in Italia di epatite virale, colpiti maggiormente gli uomini. I dati del bollettino del Sistema di Sorveglianza Seieva

28 MAR -

Trend in lieve aumento dei casi di Epatite A, B ed E nel 2023. Calano invece quelli di Epatite C.

A scattare la fotografia il Sistema di Sorveglianza Seieva (Sistema Epidemiologico Integrato delle Epatiti Virali Acute) coordinato dall’Istituto Superiore di Sanità.

Vediamo i dati principali pubblicati sul bollettino 2023.

Epatite A Nel 2023 sono stati notificati al Seieva 267 casi di Epatite A, con trend in aumento rispetto all’anno precedente. Le Regioni che hanno registrato un numero maggiore di casi sono state nell’ordine: Lombardia (55), Toscana (43), Emilia-Romagna (29), Marche (28), Lazio (27). Le fasce d’età maggiormente colpite sono state quelle adulte: 35-54 (25,1%) e 25-34 anni (19,1%). I casi pediatrici sono stati 45, in lieve aumento rispetto al 2022 in cui erano stati 37. La maggioranza dei casi si è verificata tra le donne (59%).
I fattori di rischio più frequentemente sono stati: consumo di molluschi crudi o poco cotti contaminati dal virus (35,5%), viaggi in zone endemiche (31,9%), rapporti sessuali fra uomini (24,6%) e consumo di frutti di bosco (17,4%).

Epatite B Nel 2023 in Italia sono stati segnalati al Seieva 153 nuovi casi di Epatite B acuta, in lieve aumento rispetto al 2022 in cui i casi erano stati 109. Le Regioni che hanno segnalato la maggior parte dei casi sono Emilia-Romagna (33 casi), Lombardia (31 casi) e Toscana (21 casi). I soggetti più colpiti sono quelli tra i 35 e i 54 anni, il 46,4% dei casi rientrava in questa fascia d’età, e la fascia 55-64 anni (24,8%). L’età mediana è di 53 anni (range 17-89). Come negli anni passati ad essere più colpiti sono maschi (78,4%).

I fattori di rischio più frequenti sono l’esposizione a trattamenti di bellezza quali manicure, piercing e tatuaggi (38% dei casi), le cure odontoiatriche (28,7%) e i comportamenti sessuali a rischio (25,2%). L’esposizione nosocomiale (ospedalizzazione, intervento chirurgico, emodialisi o trasfusione di sangue) interessa il 19,9% dei casi.

Epatite C Nel 2023 sono stati segnalati al Seieva 51 nuovi casi di Epatite C acuta, 4 in meno di quelli registrati nel 2022. Le Regioni con il maggior numero di casi sono state Lombardia (33,3% dei casi), Lazio (25,5%) e Veneto (9,8%). I più colpiti sono gli uomini (72,5% dei casi) tra i 35-54 anni (52,4%), in linea con le osservazioni degli anni precedenti.
Il fattore di rischio di maggiore importanza è stato il ricorso a trattamenti estetici (manicure/pedicure, piercing e tatuaggi): il 40,4% dei casi, che ha superato per la prima volta negli ultimi anni l’esposizione nosocomiale (29,4%) che rappresentava negli anni scorsi il principale il principale fattore di rischio.
L’uso di droghe è stato registrato nel 27,1% del campione, il ricorso a trattamenti odontoiatrici nel 23,9%. Infine, l’esposizione sessuale (partner sessuali multipli o mancato uso del profilattico in corso di rapporti occasionali) si osserva in 16 soggetti fra quelli con età > 15 anni.

Epatite E Nel corso del 2023 sono stati segnalati 58 casi di Epatite E, principalmente nella regione Lazio (20,7% dei casi), Lombardia (17,2%), Emilia-Romagna (15,5%), Umbria (10,3%) e Abruzzo (10,3%). L’Epatite E supera numericamente i casi di epatite C diventando nel 2023 la terza causa più frequente in Italia di epatite virale. In linea con quanto osservato negli anni precedenti l’infezione ha riguardato per lo più soggetti di sesso maschile (70,7%) e nel 96,5% dei casi con età > di 34 anni, 20 casi si sono verificati in soggetti anziani (età>64 anni). Quattro dei casi registrati avevano effettuato un viaggio in area endemica e in particolare in Costa d’Avorio, India, Malawi e Sudafrica, mentre 54 (93,1%) sono casi autoctoni.
Per quanto riguarda i fattori di rischio, più della metà dei casi (53,1%) è attribuibile al consumato carne di maiale cruda o poco cotta, il 10,2% dei soggetti ha invece segnalato il consumo di carne di cinghiale cruda o poco cotta.

Focus sull’Epatite D: testare di più per curare meglio Il virus dell’Epatite Delta (HDV) è un virus satellite che può coinfettare o sovrainfettare soggetti colpiti anche da HBV. In Italia, la prevalenza di HDV nei pazienti HBsAg positivi è stimata tra il 4,5% e il 13% e la sovrainfezione con HDV causa una più rapida progressione in cirrosi, un aumento significativo del rischio di sviluppare Epatocarcinoma (HCC), scompenso epatico, necessità di trapianto e un aumento della mortalità.

Analizzando i dati provenienti dalla Sorveglianza Seieva, l’esecuzione del test per la rilevazione dell’HDV tra i casi di Epatite acuta nonA-nonE o sconosciuta è certamente insufficiente; infatti, la percentuale di casi testati rimane al di sotto del 50% durante tutto il periodo di osservazione (1991-2023). In generale, l’andamento della percentuale di testati è altalenante, con valori tra il 40% ed il 50% negli anni ’90, negli anni successivi diminuisce fino a sotto il 30% (indice di una minore attenzione verso la problematica), solo negli ultimi anni la proporzione di soggetti testati per IgM anti-HDV è in crescita passando dal 35,4% nel 2019 al 48,8% nel 2023. Complessivamente, come atteso, nel periodo compreso fra il 1991 e il 2023, i soggetti HBsAg positivi (tra i casi di Epatite acuta nonA-nonE) sono stati testati con maggiore frequenza rispetto a quelli negativi (42,9% vs 34,5%).



28 marzo 2024
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy