Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 29 FEBBRAIO 2024
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Morti evitabili. Luigi Boggio (Assobiomedica): “Indispensabile la collaborazione delle istituzioni con industria e società scientifiche”


L’ultimo rapporto di Eurostat che un alto numero di morti evitabili in Europa. Si parla di un 33% nel 2013 e  solo in Italia i decessi prematuri sarebbero stati circa 52.000. "Un sistema sanitario all’avanguardia deve costantemente investire sulle conoscenze scientifiche e sulle tecnologie mediche rendendo accessibili ai pazienti le migliori soluzioni diagnostiche e terapeutiche" ha commentato Luigi Boggio

26 MAG - Sono dati allarmanti quelli diffusi dall’ultimo rapporto di Eurostat che rivela un numero impressionante di morti evitabili in Europa. Si parla di un 33% nel 2013 e  solo in Italia i decessi prematuri sarebbero stati circa 52.000.

“Per la salute dei cittadini - ha commentato Luigi Boggio, Presidente di Assobiomedica -: un sistema sanitario all’avanguardia deve costantemente investire sulle conoscenze scientifiche e sulle tecnologie mediche rendendo accessibili ai pazienti le migliori soluzioni diagnostiche e terapeutiche. Fra le prime cause di morti evitabili, il 36% è imputabile a infarti del miocardio, il 16% agli ictus, il 12% ai tumori colon-rettali, il 9% ai tumori della mammella. Tutti casi in cui una diagnosi precoce e l’impiego di moderni dispositivi medici potrebbero fare la differenza”.

“Ridurre l’incidenza di questi decessi è un dovere che il nostro Paese ha nei confronti dei suoi cittadini  se, come spesso dichiara, vuole continuare a garantire un servizio sanitario universalistico ed efficiente. Per questo – prosegue Boggio – chiediamo che le istituzioni affrontino una riflessione profonda e concreta stabilendo da subito un confronto diretto con l’industria e i medici sulle tecnologie salvavita”.

“Il dialogo tra ricerca clinica e industriale ha portato nel tempo a un miglioramento della vita e della salute dei cittadini - ha concluso il Presidente di Assobiomedica  -. Una grande conquista di cui essere orgogliosi, certo, ma non un traguardo tagliato. Siamo infatti davanti a un processo vivo e in permanente evoluzione che continuerà a sorprenderci con nuove possibilità di diagnosi, terapia e cura. E’ indispensabile che l’intervento politico, oltre ad alimentare il virtuoso rapporto tra clinica e industria, sappia cogliere l’opportunità di un confronto costruttivo con entrambe. Ci preoccupa il fatto che l’innovazione,  nel campo della diagnostica e delle tecnologie mediche, non venga accolta dal nostro sistema sanitario in quanto percepita ancora come costo addizionale invece che come portatrice di efficacia e risparmio con un forte impatto economico e sociale”.
 
C'è tempo sino al 20 settembre per partecipare al Concorso Letterario “Il diabete infantile e giovanile: le storie, i racconti” promosso dalla Federazione Nazionale Diabete Giovanile (FDG) e riservato ad autori amatoriali che, attraverso la scrittura, vogliono raccontare le loro esperienze dirette o indirette con il diabete.

“Il concorso – spiega Antonio Cabras, Presidente della FDG – è rivolto  in particolare ai ragazzi, alle famiglie, agli insegnanti e a tutti quelli che affrontano quotidianamente le difficoltà d’inserimento, per un giovane con diabete nella scuola, nello sport e nella vita”.

“Siamo molto soddisfatti – afferma Cabras - del successo che il concorso ha riscosso l'anno scorso tra il pubblico. Di diabete giovanile, purtroppo, si parla poco e questo è sicuramente un modo nuovo e diverso per esorcizzare la malattia.”

Il testo dovrà affrontare il tema del difficile inserimento del bambino e del giovane con diabete all’interno della società, della scuola, della famiglia, dei luoghi di aggregazione. Le storie raccontate potranno essere vere o frutto della fantasia degli autori.

I racconti dovranno essere inviati in formato word esclusivamente via mail alla segreteria del concorso  I migliori racconti verranno pubblicati in un libro edito dalla casa editrice Agapantos. La cerimonia di premiazione avrà luogo a Roma il  27 ottobre nella Sala del Refettorio presso la Camera dei Deputati alla presenza delle autorità politiche, culturali e scientifiche.
 
Lorenzo Proia

26 maggio 2016
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy