Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 30 MAGGIO 2024
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Malaria. Rapporto mondiale Oms 2017: al palo strategia per l'eradicazione entro 2030


Nel 2016 sono stati stimati 5 milioni di casi di malaria in più rispetto al 2015. I decessi per malaria si sono attestati a circa 445.000, un numero simile all'anno precedente. Si stima nel 2016 che 2,7 miliardi di dollari siano stati investiti nel controllo della malaria e negli sforzi di eliminazione a livello globale, molto meno dell'investimento annuale di 6,5 miliardi di dollari richiesto entro il 2020 per raggiungere gli obiettivi 2030.  IL RAPPORTO MONDIALE SULLA MALARIA 2017 - STRATEGIA TECNICA GLOBALE 2016-2030 - UN QUADRO PER L'ELIMINAZIONE DELLA MALARIA - LINEE GUIDA PER IL TRATTAMENTO DELLA MALARIA.

29 NOV - Dopo il successo globale senza precedenti nel controllo della malaria, i progressi si sono fermati, secondo il rapporto World malaria 2017 appena pubblicato dall'Oms. Nel 2016 sono stati stimati 5 milioni di casi di malaria in più rispetto al 2015. I decessi per malaria si sono attestati a circa 445.000, un numero simile all'anno precedente.

"Negli ultimi anni, abbiamo fatto importanti progressi nella lotta contro la malaria", ha affermato Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell'Oms. "Ora siamo a un punto di svolta. Senza un'azione urgente, rischiamo di andare indietro e mancano gli obiettivi globali sulla malaria per il 2020 e oltre ".

La strategia tecnica globale dell'Oms per la malaria richiede la riduzione di almeno il 40% dell'incidenza dei casi di malaria e tassi di mortalità entro il 2020.

Secondo l'ultimo rapporto sulla malaria dell'Oms, il mondo non è sulla buona strada per raggiungere questi traguardi importanti.
Un grave problema è il finanziamento insufficiente a livello sia nazionale che internazionale, con conseguenti gravi lacune nella copertura di reti trattate con insetticida, medicinali e altri strumenti di salvataggio.

Si stima che 2,7 miliardi di dollari siano stati investiti nel controllo della malaria e negli sforzi di eliminazione a livello globale nel 2016.
Si tratta di molto meno dell'investimento annuale di 6,5 miliardi di dollari richiesto entro il 2020 per raggiungere gli obiettivi 2030 della strategia globale per la malaria dell'Oms.


Nel 2016, i governi dei paesi endemici hanno stanziato 800 milioni di dollari, pari al 31% del finanziamento totale. Gli Stati Uniti d'America sono stati il maggiore finanziatore internazionale dei programmi di controllo della malaria nel 2016, con 1 miliardo di dollari (38% di tutti i finanziamenti alla malaria), seguiti da altri principali donatori, tra cui il Regno Unito, l’Irlanda del Nord, la Francia, la Germania e il Giappone.
Il nuovo rapporto mostra che, nel 2016, ci sono stati 216 milioni di casi di malaria in 91 paesi, rispetto a 211 milioni di casi nel 2015.
Il bilancio globale stimato delle morti per malaria ha raggiunto 445.000 nel 2016 rispetto a 446.000 dell'anno precedente.


Mentre il tasso di nuovi casi di malaria era complessivamente diminuito, dal 2014 la tendenza si è stabilizzata e addirittura invertita in alcune regioni. I tassi di mortalità della malaria seguivano un andamento simile.

La regione africana continua a sopportare il 90% di tutti i casi di malaria e decessi di tutto il mondo. Quindici paesi - tutti tranne uno nell'Africa sub-sahariana - sostengono l'80% del peso globale della malaria.

"Chiaramente, se vogliamo riportare la risposta globale alla malaria sulla giusta strada, il sostegno ai paesi più colpiti nella regione africana deve essere l'obiettivo principale", ha affermato Tedros.

Nella maggior parte dei paesi colpiti dalla malaria, dormire sotto una rete da letto trattata con insetticida (ITN) è il modo più comune e più efficace per prevenire l'infezione.

Nel 2016, il 54% delle persone a rischio di malaria nell'Africa sub-sahariana ha dormito con un ITN rispetto al 30% nel 2010.
Tuttavia, secondo il rapporto il tasso di aumento della copertura ITN è rallentato dal 2014.

Spruzzare le pareti interne delle case con insetticidi è un altro modo efficace per prevenire la malaria. Il rapporto rivela un forte calo del numero di persone protette con questo metodo: da circa 180 milioni nel 2010 a 100 milioni nel 2016, con le maggiori riduzioni nella regione africana.

La regione africana ha registrato un notevole aumento dei test diagnostici nel settore della sanità pubblica: dal 36% dei casi sospetti nel 2010 all'87% nel 2016. La maggior parte dei pazienti (70%) che hanno ricevuto cure per la malaria nel settore della sanità pubblica hanno ricevuto terapie combinate a base di artemisina (ACT), i farmaci antimalarici più efficaci.

Tuttavia, in molte aree, l'accesso al sistema sanitario pubblico rimane basso. Indagini a livello nazionale nella regione africana mostrano che solo circa un terzo (34%) dei bambini con la febbre viene portato da un medico della sanità pubblica.

Il rapporto delinea anche ulteriori sfide nella risposta globale alla malaria, compresi i rischi dei conflitti e dalle crisi nelle zone endemiche della malaria.L'Oms sta attualmente sostenendo le risposte alla malaria in Nigeria, Sud Sudan, Venezuela (Repubblica Bolivariana) e Yemen, dove le continue crisi umanitarie comportano gravi rischi per la salute.

Nello Stato del Borno in Nigeria, ad esempio, l'Oms ha sostenuto quest’anno il lancio di una campagna di massa per l'uso di farmaci antimalarici, che ha raggiunto 1,2 milioni di bambini di età inferiore a 5 anni in aree mirate. I primi risultati indicano una riduzione dei casi di malaria e dei decessi in questo stato.

"Siamo a un bivio nella risposta alla malaria", ha detto Pedro Alonso, direttore del Global Malaria Program, commentando i risultati della relazione di quest'anno. "Speriamo che questo rapporto serva come campanello d'allarme per la comunità sanitaria globale. Raggiungere gli obiettivi globali sulla malaria sarà possibile solo attraverso maggiori investimenti e una copertura estesa degli strumenti fondamentali che prevengono, diagnosticano e curano la malattia. Un finanziamento robusto per la ricerca e lo sviluppo di nuovi strumenti è altrettanto importante".

29 novembre 2017
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy