Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Venerdì 22 OTTOBRE 2021
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne. Con il Covid cresce quella domestica, richieste aiuto quintuplicate. Onu: “Colpevole è sempre e solo chi aggredisce” 


Iniziative in tutto il mondo per il 25 novembre e i 16 giorni successivi per sensibilizzare opinione pubblica e istituzioni su un fenomeno crescente in questi mesi di pandemia e che l’Onu ha ribattezzato come una vera e propria “Pandemia silente”. L'autore della violenza - sottolinea l'Onu - è l'unico responsabile dell’aggressione. Ma è frequente che invece si chiami in causa la vittima incolpandola e caldeggiando l'idea che spetti alle donne evitare situazioni che potrebbero essere viste come "pericolose" dagli standard tradizionali.

24 NOV - Anche prima che COVID-19 ci colpisse, a livello globale, 243 milioni di donne e ragazze sono state abusate dai loro partner intimi nell'ultimo anno. La pandemia COVID-19 ha intensificato la violenza e i servizi di supporto hanno vacillato e l'accesso agli aiuti è diventato più difficile.
 
Dallo scoppio del COVID-19, i dati e le relazioni emergenti da che opera in prima linea hanno dimostrato che tutti i tipi di violenza contro donne e ragazze, in particolare la violenza domestica, si sono intensificati. In altri, le segnalazioni formali di violenza domestica sono diminuite poiché i sopravvissuti trovano più difficile cercare aiuto e accedere al supporto attraverso i canali regolari. La chiusura delle scuole e le tensioni economiche hanno lasciato le donne e le ragazze più povere, senza scuola e senza lavoro, e più vulnerabili allo sfruttamento, agli abusi, ai matrimoni forzati e alle molestie.
 
Per l’Onu che ogni 25 novembre celebra la Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, siamo di fronte a una “Pandemia ombra” che va di pari passo con l’escalation dei contagi che sta mettendo a dura prova i servizi sanitari, i servizi essenziali, compresi i servizi di accoglienza delle vittime di violenza domestica e l’operatività degli stessi numeri di emergenza che hanno visto quintuplicarsi in questi mesi le chiamate, che hanno raggiunto la capacità massima.

 
La campagna “UNiTE To End Violence Against Women” del Segretario generale delle Nazioni Unite per porre fine alla violenza contro le donne rappresenta uno sforzo pluriennale volto a prevenire ed eliminare la violenza contro donne e ragazze, si concentrerà quest’anno sull'ampliamento della richiesta di azione globale per colmare le lacune di finanziamento, garantire servizi essenziali per le sopravvissute alla violenza durante la crisi COVID-19, concentrarsi sulla prevenzione e sulla raccolta di dati che possono migliorare i servizi salvavita per donne e ragazze.
 
Il tema di quest'anno per la Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne è "Orange the World: Fund, Respond, Prevent, Collect!". Come negli anni precedenti, la Giornata internazionale di quest'anno segnerà il lancio di 16 giorni di attivismo che si concluderanno il 10 dicembre 2020, che è la Giornata internazionale dei diritti umani.
 
Perché dobbiamo eliminare la violenza contro le donne. La violenza contro donne e ragazze (VAWG) è una delle violazioni dei diritti umani più diffuse, persistenti e devastanti nel nostro mondo oggi rimane in gran parte non denunciata a causa dell'impunità, del silenzio, dello stigma e della vergogna che la circondano.
 
In termini generali, si manifesta in forme fisiche, sessuali e psicologiche, che comprendono:
• violenza da parte del partner (percosse, abusi psicologici, stupro coniugale, femminicidio);
• violenza e molestie sessuali (stupro, atti sessuali forzati, avances sessuali indesiderate, abusi sessuali su minori, matrimonio forzato, molestie di strada, stalking, cyber-molestie);
• tratta di esseri umani (schiavitù, sfruttamento sessuale);
• mutilazione genitale femminile; e
• matrimonio infantile.
 
La Dichiarazione sull'eliminazione della violenza contro le donne emanata dall'Assemblea generale delle Nazioni Unite nel 1993, definisce la violenza contro le donne come "qualsiasi atto di violenza di genere che ha come risultato o è probabile che provochi, fisiche, sessuali o danno psicologico o sofferenza alle donne, comprese minacce di tali atti, coercizione o privazione arbitraria della libertà, sia nella vita pubblica che in quella privata. "
 
Le conseguenze negative sulla salute psicologica, sessuale e riproduttiva della VAWG colpiscono le donne in tutte le fasi della loro vita. Ad esempio, gli svantaggi educativi precoci non rappresentano solo il principale ostacolo all'istruzione universale e al diritto all'istruzione per le ragazze; inoltre, sono anche responsabili della limitazione dell'accesso all'istruzione superiore e si traducono persino in opportunità limitate per le donne nel mercato del lavoro.
 
Sebbene la violenza di genere possa colpire chiunque, ovunque, alcune donne e ragazze sono particolarmente vulnerabili, ad esempio ragazze e donne anziane, donne che si identificano come lesbiche, bisessuali, transgender o intersessuali, migranti e rifugiati, donne indigene e minoranze etniche, o donne e ragazze che vivono con l'HIV e disabilità e quelle che vivono crisi umanitarie.
 
La violenza contro le donne – sottolinea l’Onu - continua a essere un ostacolo al raggiungimento dell'uguaglianza, dello sviluppo, della pace e al rispetto dei diritti umani delle donne e delle ragazze. Tutto sommato, la promessa degli obiettivi di sviluppo sostenibile (SDG) - non lasciare indietro nessuno - non può essere mantenuta senza porre fine alla violenza contro donne e ragazze.
 
E infine un richiamo forte all'atteggiamento che spesso si ha difronte ad espisodi di violenza contro le donne. L'autore della violenza - sottolinea l'Onu - è l'unico responsabile dell’aggressione. Ma è frequente che invece si chiami in causa la vittima incolpandola e caldeggiando l'idea che spetti alle donne evitare situazioni che potrebbero essere viste come "pericolose" dagli standard tradizionali.

24 novembre 2020
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy