Quotidiano on line
di informazione sanitaria
09 MAGGIO 2021
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

UK. I numeri del successo della campagna di vaccinazione

di Grazia Labate

In soli 136 giorni il Governo britannico è riuscito a vaccinare metà della popolazione. Ora l'impegno è di dare la prima dose a tutti entro il 1 luglio. Il programma Il programma ha avuto il suo giorno di maggior successo il 20 marzo, con 844.285 vaccinazioni ma nelel settimane scorse anche in Gran Bretagna il ritmo è rallentato dopo i dubbi su AstraZeneca anche se ora il Governo è ottimista sulla ripresa del ritmo giusto

29 APR - Per raccontare la storia della campagna vaccinale nel Regno Unito sono utili alcuni numeri: più della metà della popolazione del Regno Unito ha ora ricevuto almeno una prima dose di vaccino contro il Covid-19.
 
Queste le persone vaccinate fino al 27 aprile 2021:
Prima dose: 33.959.908
Seconda dose: 13.581.076
Le persone risultate positive
Ultimi dati forniti il 28 aprile 2021 = 2.165
Ultimi 7 giorni = 16.095
 
Deceduti
Morti entro 28 giorni dal test positivo
Ultimi dati forniti il 28 aprile 2021= 29
Ultimi 7 giorni= 153
 
Il governo si è impegnato a offrire una prima dose a tutti gli adulti entro il 31 luglio. Raggiungerà il suo obiettivo? Ci sono voluti 136 giorni per vaccinare metà dell'intera popolazione, poco meno del 64% degli adulti. Ma il ritmo delle prime dosi è notevolmente rallentato da metà marzo. Sono 500.934 vaccinazioni al giorno, in media mobile calcolate su sette giorni. La disponibilità di vaccini ha subito oscillazioni da quando il lancio della campagna vaccinale è iniziato l'8 dicembre 2020.

 
Il programma ha avuto il suo giorno di maggior successo il 20 marzo, con 844.285 vaccinazioni. Questo dato è sceso a 95.763 il 4 aprile a causa di un problema con un lotto di vaccino AstraZeneca prodotto nel Regno Unito e una sospensione di alcune consegne dall'India. Da allora le scorte sono aumentate di nuovo. Sono 168 le persone che hanno manifestato grossi coaguli di sangue a seguito di una dose di AstraZeneca.
 
L’esitazione sui vaccini è stata alimentata dal vortice di notizie sui coaguli di sangue e la scorsa settimana l'Agenzia di regolamentazione dei medicinali e dei prodotti sanitari (MHRA) ha annunciato che il numero di casi nel Regno Unito è derivato dai 21,2 milioni di prime dosi del vaccino AstraZeneca. Vi sono stati 7,9 coaguli per milione di dosi, molto inferiore a quella delle donne ogni anno che prendono la pillola anticoncezionale e sperimentano un coagulo di sangue.
 
Sebbene un numero significativo di persone non si sia dichiarato disposto a prendere una prima dose, a ridosso delle notizie degli eventi avversi, i ricercatori dell'University College di Londra hanno scoperto che tenendo monitorata quella parte di popolazione dubbiosa, una percentuale sostanziale ha cambiato idea dopo i dubbi iniziali.
 
Il 64,1% è la percentuale di donne sopra i 16 anni che hanno ricevuto un vaccino. Le donne sono state più veloci a iscriversi alle vaccinazioni rispetto agli uomini, di cui solo il 56,6% ha ricevuto finora una prima dose. Nella fascia di età 45-49 anni, che è diventata idonea per una prima dose dal 13 aprile, finora 1.188.015 donne hanno ricevuto una dose rispetto a 1.012.086 uomini.
 
I cittadini dovrebbe essere in grado di abbandonare le mascherine durante l'estate poiché i vaccini stanno facendo il lavoro di protezione nel controllo del Covid-19, ritengono i consulenti scientifici del governo.
 
Finora il governo ha raggiunto i suoi obiettivi. Come andrà il resto del percorso? Lo vedremo strada facendo. Intanto i vaccini contro il coronavirus vengono ora offerti a persone di età pari o superiore a 42 anni come ha twittato l'altro ieri Matt Hancock ministro della salute.
Grazia Labate
Ricercatrice in economia sanitaria già sottosegretaria alla sanità

29 aprile 2021
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy