Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Sabato 23 GIUGNO 2018
Cronache
segui quotidianosanita.it

Giornata Internazionale della Donna. Cresce il numero delle donne e delle ragazze sfollate. Sono circa 32 milioni in tutto il mondo. Ecco la loro storia

Costrette a lasciare le proprie case e il proprio Paese per la loro sicurezza e sopravvivenza. Medici Senza Frontiere celebra l’8 marzo con le storie raccolte in video, di Gloria, Fouzia e Ruksana, rifugiate o operatrici umanitarie di Msf. Donne che l’Associazione umanitaria ha incontrato nei Paesi dove si sono rifugiate come Tanzania, Bangladesh, Grecia.

08 MAR - Ci sono immagini che parlano più di tante parole scritte. E raccontano di donne violate nel corpo e nell’anima costrette, per sopravvivere, a tagliare le proprie radici affrontando sfide estreme per la loro salute. Abbandonano le loro case e il proprio paese per incontrare solo, nella loro dolorosa fuga, altri pericoli. Non sono diverse da qualsiasi altra donna: hanno solo bisogno di un posto sicuro dove partorire o essere sostenute perché vittime di violenze sessuali. Cercano un luogo dove potersi prendere cura dei propri figli, avere avere accesso a metodi contraccettivi. Ma essendo sfollate, le sfide che devono affrontare sono sempre più difficili.
 
Medici senza frontiere ha  voluto celebrare questo 8 marzo attraverso le storie, raccolte in video, di Gloria, Fouzia e Ruksana, rifugiate o operatrici umanitarie di Medici Senza Frontiere. Donne che l’Associazione umanitaria ha incontrato nei Paesi dove si sono rifugiate come Tanzania, Bangladesh, Grecia.
 

 

 
Cure ostetriche: la storia di Gloria
Gloria è una rifugiata del Burundi che è riuscita a raggiungere la Tanzania mentre aspettava il suo terzo bambino. Nel campo di Nduta ha finalmente accesso a cure ostetriche di emergenza.
Tra gli sfollati sono molte le donne incinte dal momento in cui tante lasciano il proprio paese in età fertile: tra i 15 e i 45 anni. L’assenza di cure, però, pone loro e i loro figli in serio pericolo. Fuggire durante una gravidanza aumenta il rischio di aborti o parti prematuri. Nel campo di Nduta, così come in altri contesti, MSF gestisce una maternità per supportare donne e ragazze.
 

 
 
Alleviare la sofferenza: la storia di Ruksana
Qualsiasi sia il luogo in cui si incontrano donne sfollate, le loro storie raccontano spesso di violenza, stupri e gravidanze indesiderate. Ruksana, ostetrica, ha lavorato a Kutupalong, in Bangladesh, per sei anni. E dallo scorso agosto, la sua clinica ha visto crescere fortemente il numero delle pazienti vittime di violenza sessuale tra i rifugiati Rohingya. Non dimentichiamo che violenza sessuale è un’emergenza medica che richiede un trattamento entro tempi brevi per prevenire gravidanze indesiderate o possibili infezioni come l’Hiv. Oltre alle cure mediche, è importante fornire supporto psicologico alle vittime per aiutare la resilienza e il recupero. Ma a causa di stigmatizzazione, vergogna o altri bisogni, molte donne potrebbero non cercare aiuto.

 
 
Dare alle donne la possibilità di scegliere: la storia di Fouzia
Circa il 40% delle gravidanze in tutto il mondo sono indesiderate e le donne sfollate sono tra le più a rischio. La fuga compromette, infatti, la possibilità di seguire terapie contraccettive. Avere accesso ai contraccettivi può invece essere una possibilità per proteggere la propria salute. Fouzia è il coordinatore medico di Msf ad Atene dove, a settembre 2016, Msf ha aperto un centro per fornire cure mediche agli sfollati presenti in città o in transito.
 

 

08 marzo 2018
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Cronache

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy