Quotidiano on line
di informazione sanitaria
21 LUGLIO 2019
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

Stabilità avanti tutta. Quando l’unica resistenza viene dai medici

Ma in un clima di dilagante cesarismo dove tutti, a orecchie basse, sublimano e i vizi della manovra diventano financo virtùpuò accadere che la mobilitazione dei medici diventi senza senso...cioè sia percepita dalla politica come  la pura manifestazione di un volgare ed egoistico corporativismo

09 NOV - Nessuna eccezione. Tutto secondo regole e consuetudini:
· la commissione sanità del Senato dà il via libera alla manovra finanziaria sgravandosi la coscienza con  il solito allarme di maniera sulla tenuta del sistema;
· le Regioni o ciò che rimane di loro, ridotte in ceppi (Enrico Rossi si riconsola con l’aglietto “i soldi sono pochi ma pochi  non sono”, Chiamparino poveraccio  sospende il giudizio);
· le minacce di sciopero dei medici come se non ci fossero (prima o poi la mollichella si troverà tanto per loro che per i vaccini);
· le confederazioni sindacali abbaiano alla luna;
· la “comparsa” è scomparsa...la nostra ministra della Salute si è come dissolta nella sua inconsistenza politica.
 
Ma a ben guardare una eccezione c’è, questa volta la legge di stabilità, quella che sulla sanità continua imperterrita nel suo programma di definanziamento, ha trovato degli aperti sostenitori  alla Camera (parlamentari della Commissione affari sociali del Pd) che non vergognandosi, come al senato, di sostenerla  arrivano perfino a sublimarla. (Sbrollini ,”non c’è nessun taglio alla Sanità, anzi, finalmente si torna ad investire”; Capone e Mariano: “Intrapresa la giusta direzione contro gli sprechi e il rafforzamento dei servizi” Qs 5 novembre 2015)

 
Nell’ormai dilagante cesarismo di Renzi  tutti a orecchie basse  sublimano e i vizi  della manovra  diventano financo virtù. “Sublimare” è quando qualcosa  diventa  altro, una sostanza che diventa vapore o la sessualità  spiritualità, o il definanziamento, la decapitatalizzazione, la medicina amministrata, che diventano grandi politiche sanitarie . Quando  la merda diventa sublime allora  sono cavoli amari. Ad esempio può accadere che la mobilitazione dei medici diventi senza senso...cioè sia percepita dalla politica come  la pura manifestazione di un volgare ed egoistico corporativismo.
 
Per cui i medici se non stanno attenti rischiano di fare la fine di quella mosca che per succhiare il fondo della bottiglia non riesce più a trovare la via per uscire. Loro (per quello che leggo) ce la stanno mettendo tutta. Nel comunicato con il quale confermano (forse un po’ affrettatamente e  prematuramente) lo sciopero del 16 dicembre (QS  3 novembre 2015) si vede uno sforzo politico nella proposta che se questo governo fosse meno miope farebbe bene a considerare. Intendiamoci, ancora niente di concreto, solo intenzioni da sviluppare in una piattaforma, ma che ci dicono che i medici in realtà sarebbero disponibili ad una transazione. Siamo oltre il decalogo improbabile degli Stati generali nei quali si chiedevano  più soldi e libertà (Qs 22 ottobre 2015) senza dare niente in cambio.
 
Oggi  tra le varie cose i medici si rendono disponibili per la riforma delle cure primarie, una nuova gestione che coinvolga e responsabilizzi i professionisti, ma soprattutto essi propongono il lavoro professionale come strumento di cambiamento e... udite ..udite...impiegato addirittura per la riduzione degli sprechi. Anche se siamo ancora sul generico non è poco e male fa il governo a snobbarli. Ma i significati di queste cose chi li spiega a Renzi? La Lorenzin? Chiamparino? Gutgeld?
 
Peccato! Lo sforzo che stanno facendo i medici meriterebbe più attenzione politica Essi a me pare stanno  andando  più verso la definizione di una “vertenza sulla professione”,(altrimenti poco si capirebbe il ruolo della Fnomceo) che verso  una “rivendicazione della professione”, (azione più consona al sindacato). Ma chi è in grado di spiegare a Renzi i vantaggi che possono derivare alle sue politiche da una proposta che intreccia i due livelli, quello professionale (la questione  del ruolo) e quello sindacale della rivendicazione (la questione del lavoro), dal momento che tali livelli sono oggettivamente inseparabili? La Lorenzin? Chiamparino? Gutgelt? Ammetto che ancora  non è del tutto chiaro lo “scopo dello scopo” della loro piattaforma. Se fosse per me al centro di tutta la mobilitazione metterei la “Questione medica”, come grande emergenza sociale prima ancora che come problema professionale anche perché è l’unico modo per i medici di spiegare a Renzi le conseguenze sulla gente della sua politica.
 
Questione medica” significa:
· che la crisi del medico quindi della medicina implica  una grave crisi sociale che colpisce l’intera comunità e verso la quale il governo non può restare indifferente;
· definire i rapporti stretti che esistono tra professioneruolo, lavoro, spesa e società  senza i quali i cittadini  rischiano di avere una pessima medicina;
· che le questioni finanziarie in sanità affrontate male cioè contro il lavoro medico  fanno male  a tutti noi e che esse vanno affrontate quindi  non negate ma nel modo giusto;
· che il modo giusto  è da parte dei medici una offerta di professionalità  qualificata orientata prima di tutto ad assicurare al cittadino propriety  (non appropriatezza)e nello stesso tempo  ad abbassare la spesa causata dai comportamenti professionali impropriety (medicina difensiva, self-interested, free rider, regressività dei modelli).
 
Ma chi spiega a Renzi che la strada per risparmiare in sanità è la risoluzione della “Questione medica”  e non quella patacca del decreto per l’appropriatezza? La Lorenzin? Chiamparino? Gutgeld?
 
Il dubbio a dir il vero che viene è che neanche i medici siano in grado di spiegare bene queste complesse  connessioni perché a giudicare da come stanno impostando le cose si rischia di proporre la piattaforma  come se fosse una partita doppia, da una parte le entrate e dall’altra le uscite, cioè da una parte le proposte per  e dall’altra  le proteste contro. In realtà una grande vertenza sulla  “questione medica” sostenuta da una grande mobilitazione, deve saper coniugare i cambiamenti diversi per  fare del cambiamento professionale un grande vantaggio sociale e economico per tutti.
 
Come si fa a cambiare i comportamenti diseconomici dei medici senza prima ridefinirli quale professione  nel ruolo, nelle prassi e nelle organizzazioni? Nessuno crederebbe che si possa  riformare ad esempio le cure primarie a medico invariante. Ciò vuol dire che a convenzione o a contratto  invariante  il lavoro per il governo resterebbe diseconomico e che a diseconomie invarianti non si avrebbe  ruolo ma solo decapitalizzazione in tutte le salse. Di questi tempi la professione per la spesa pubblica deve per lo meno essere finanziariamente conveniente altrimenti  essa sarà automaticamente incompatibile e i medici si beccheranno la medicina amministrata da qui all’eternità.
 
Ora tutto questo pone con forza la necessità di definire bene:
· il taglio della piattaforma: “questione medica” come grande problema sociale o “problemi dei medici” come questioni categoriali?
· gli obiettivi della piattaforma: professione, ruolo, contratti, organizzazioni  o altro?
· la strategia nella quale muoversi: riforma della professione o soluzione marginalista dei problemi di questa professione?
 
Fino ad ora la mia impressione da analista è che sia la mobilitazione ma soprattutto lo sciopero, (ribadisco quanto mai necessari e opportuni), siano stati concepiti più sulla spinta dell’incazzatura  che su una seria riflessione strategica.Lo sciopero, cioè l’arma più potente in mano ai medici, è stato fissato per il 16 dicembre che come è noto è il periodo nel quale le leggi di stabilità di solito sono state già decise e sostanzialmente votate. Se il suo scopo è combattere il definanziamento come  la causa principale  del “non ruolo”, del “non medico”, del “non lavoro” è probabile che esso arrivi dopo i fuochi e faccia un buco nell’acqua.
 
Se non è così restano in piedi solo due altre ipotesi:
· che lo sciopero serva ad avere una interlocuzione con Renzi  quindi indipendente dall’esito della legge di stabilità perché orientato ad avanzare una proposta di negoziato  tarata sulla risoluzione della questione medica  quale questione sociale e economica;
· che esso sia stato dichiarato per non essere fatto, cioè per agitare le acque, sperando di rimediare la mollichella senza la quale sarebbe per tutti una  gran brutta figura.
 
Signori i giochi sulla legge di stabilità  sono già chiusi. Gli spazi di modifica, mollichelle a parte, sono come sempre  finanziariamente marginali. Il definanziamento va avanti. Pongo il problema della mosca che rischia di restare  nella bottiglia e chiedo: quale piano strategico?
 
Ivan Cavicchi

09 novembre 2015
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Governo e Parlamento

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy