Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 30 MARZO 2020
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

Vista, è boom di malati tra gli over 65. Il ministero della Salute punta tutto sulla prevenzione

Grazie alle nuove tecnologie è diminuito il numero di ciechi. Ma se non si perde completamente la vista, si soffre comunque di patologie oculari. Il ministero della Salute è a lavoro già da alcuni anni, recependo le direttive dell’Oms, per adeguarsi alle nuove richieste di cura di una popolazione che cambia. Ci sono più anziani e più malati cronici. Il punto sulla reale attuazione delle politiche per la prevenzione della cecità e l'educazione e riabilitazione visiva. IL DOCUMENTO.

20 GEN - Glaucoma, cataratta, patologie vascolari retiniche, degenerazione maculare. Sono queste le principali patologie visive che colpiscono la popolazione italiana, soprattutto quella over 65. Si vive più a lungo, ma non sempre in buona salute. Contemporaneamente, però, i progressi scientifici e le tecnologie innovative hanno ridotto il numero di pazienti che, fino al qualche anno fa, sarebbero stati destinati alla cecità. In modo proporzionale sono, ovviamente, aumentati i soggetti ipovedenti. Questa tendenza ha spinto il ministero della Salute ad attuare delle politiche in grado di controllare il fenomeno, attraverso dei percorsi di cura più adatti alle nuove esigenze.
 
La relazione del ministero della Salute
Il ministero della Salute ha redatto una relazione per verificare la reale attuazione delle politiche per la prevenzione della cecità e l'educazione e riabilitazione visiva, previsti dalla legge 234/97. I dati raccolti risalgono al 2015. La fotografia scattata mostra una realtà molto disomogenea: i centri di cura sono aumentati rispetto all'anno precedente, ma i cittadini si spostano in tutto il territorio nazionale alla ricerca dei luoghi di eccellenza. Alcune Regioni hanno decine di strutture, altre soltanto una.

 
I dati OMS
Nel mondo sono 285 milioni le persone che soffrono di disabilità visive, di cui 39 milioni sono non vedenti. I disturbi più diffusi sono due: gli errori di rifrazione non corretti, che riguardano il 42% della popolazione e la cataratta, di cui soffre una persona su tre. Più in generale, queste patologie colpiscono di solito gli ultracinquantenni.
 
La situazione in Italia
Il quadro italiano non è meno preoccupante: secondo le ultime stime Istat, che risalgono al 2005, sarebbero 362 mila le persone non vedenti e circa 1 milione e mezzo gli ipovedenti. Tra le cause che hanno scatenato l'aumento delle persone con patologie visive al primo posto c'è il progressivo aumento della speranza di vita. Non vedere bene significa avere delle disabilità che possono ripercuotersi sull’apprendimento o anche sullo sviluppo neuro-psico-motorio in età evolutiva. Nell'adulto, invece, peggiora la qualità della vita, l'indipendenza, la possibilità di muoversi e l'autonomia. Ed è per questo che la prevenzione e la riabilitazione visiva sono tra gli aspetti prioritari di cui deve occuparsi la Sanità pubblica.
 
L’Italia segue le direttive dell’OMS
Gli interventi dell'Italia si inseriscono nel piano d'azione globale dell'OMS 2014-2019 che ha tra le sue mission proprio la prevenzione della disabilità visiva. Alla base del piano ci sono cinque principi: accesso universale di equità, diritti umani, pratiche basate sull'evidenza scientifica e approccio mirato all'intero corso dell'esistenza dei pazienti affetti da deficit visivi.
Seguendo queste direttive l’Italia ha messo ha ideato un piano nazionale di prevenzione per il triennio che va dal 2014 al 2018.
 
La prevenzione che passa dal web
Nel 2015 gli internauti che hanno visitato il sito www.iapb.it (la sezione Italiana dell'Agenzia Internazionale per la prevenzione della cecità)
hanno raggiunto quota 1 milione e mezzo, l'anno precedente erano soltanto 853mila . Le pagine dello stesso sito visitate sono state 4,45 milioni. I due picchi annuali di visitatori si sono registrati a marzo, durante la settimana mondiale del glaucoma, e ad ottobre durante, la giornata mondiale della vista.
Ma la prevenzione viaggia anche su Facebook: la pagina ufficiale della IAPB Italia ONLUS ha raggiunto oltre 1300 like. Ma le sorprese di Internet non finiscono qui: esiste anche un forum, sullo stesso sito, dove il paziente chiede e lo specialista risponde. Ci sono oltre 5mila post e 3800 utenti iscritti, per un totale di 1400 argomenti di discussione diversi.
 
Numero Verde
La linea di consultazione gratuita della IAPB (800.068506) ha ricevuto nel 2015 2.561 chiamate, registrando un incremento dell'11%, rispetto al 2014. La maggior parte dei pazienti ha contattato il centralino per chiedere informazioni più generiche, seguite dalle malattie del centro della retina, dai problemi vitreo-retinici, fino alle patologie della superficie oculare e del glaucoma.
 
Le campagne di prevenzione
"Apri gli occhi": è questa una delle principali campagne che, alla sua sesta edizione, ha raggiunto numeri straordinari. E’arrivata in tutte le province italiane raggiungendo oltre 315 mila bambini e più di mille scuole.
La giornata mondiale della vista, che si celebra l'8 ottobre, ha coinvolto 75 città, dove gli esperti hanno chiarito i dubbi sulle patologie oftalmiche e effettuato screening visivi gratuiti.
Dall'8 al 14 marzo, invece, si è celebrata la settimana del glaucoma: ben 70 province hanno aderito alla manifestazione.
Grazie a 15 unità mobili oftalmiche, che hanno girato per il territorio nazionale, 10 mila persone tra bambini e adulti, nel 2105, hanno potuto ricevere dei controlli gratuiti.
 
I centri di eccellenza
Il Polo nazionale di servizi e di ricerca per la prevenzione della cecità e la riabilitazione visiva ha erogato, nel 2015, quasi 2 mila prestazioni. Questo Polo, in collaborazione con l'ospedale Bambino Gesù di Paldoro, in provincia di Roma, offre due tipologie di servizi rivolti ai più piccoli: il day hospital e le prestazioni ambulatoriali. Nel 2015 il Day Hospital ha seguito 75 bambini, di cui 35 erano dei nuovi casi per un totale di 110 accessi. L'attività ambulatoriale, invece, ha permesso di valutare 68 bambini.
 
Progetto light
Il Polo nazionale, nel 2015, ha concluso lo sviluppo della cartella elettronica, ma anche avviato un modello di tele-riabilitazione. Si tratta di uno strumento software semplice da installare sul pc o tablet, che stimola i pazienti facendogli esercitare la vista, a seconda del tipo di patologia riscontrata.

Analisi delle attività regionali
Tra le diverse regioni italiane non c’è ancora omogeneità. I centri attivi sono in totale 70, aumentati di nove unità tra il 2014 e 2015. È la Lombardia a detenere il primato di centri regionali con 16 strutture presenti. Segue la Sicilia con 11 unità, il Piemonte con 5. Quattro centri in Veneto e Abruzzo. Gli altri ne hanno da 1 a 3.
Il totale dei pazienti minori di 18 anni trattati in tutta la penisola sono stati 9500, di poco inferiore quelli fino a 65 anni, sono stati circa 8 mila. Il vero boom è per gli over 65: sono stati 12.239 i pazienti di questa età visitati, nell'anno 2015, nei vari centri regionali.
Tutte le attività di riabilitazione visiva svolte dalle Regioni, nello stesso anno, sono state finanziate dal mistero della Salute e con 183 mila euro.

Le conclusioni del ministero della Salute
Analizzando questi dati il ministero Della Salute ha concluso che l'Italia, pur offrendo assistenza per prevenzione e cura delle patologie legate all'ipovisione, è ancora lontana da offrire un servizio equo su tutto il territorio nazionale. È per questo che l'obiettivo per i prossimi anni è chiaro: armonizzare le varie attività in tutta la Penisola. Per farlo, il ministero propone di provvedere ad una raccolta dati comune, attraverso la digitalizzazione delle cartelle dei pazienti. Ancora una volta, dunque, la Sanità trova le soluzioni ai suoi problemi nelle nuove tecnologie. È arrivata l’ora di mettersi al passo con le innovazioni.
 
Stefano A. Inglese

20 gennaio 2017
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Governo e Parlamento

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy