Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 12 AGOSTO 2020
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

Covid. Sileri: “Sì ad uno scudo penale per i medici”


Il viceministro alla Salute torna sulla questione che, nonostante i tentativi, è di fatto ancora senza soluzione. “È giusto che il paziente che ha avuto un danno venga risarcito però attenzione all'utilizzo dell'attività penale nei confronti dei medici, che negli scorsi anni è stata esagerata”

07 LUG - “È giusto che ci sia uno scudo penale per i medici impegnati nella lotta al Covid-19”. È quanto sostiene il viceministro della Salute Pierpaolo Sileri che ad Agorà Estate su Rai Tre è tornato sulla questione che non ha ancora trovato una soluzione.
 
“Secondo me sì - ha risposto Sileri alla domanda del giornalista sull'opportunità di introdurre uno scudo penale -, è giusto che il paziente venga risarcito ma bisogna fare attenzione alle cause ai medici, è necessario fare qualcosa in questo senso non solo per l'emergenza attuale ma che funzionerà tra dieci anni. I problemi c'erano anche prima, quindi ben vengano provvedimenti come lo scudo penale, o un intervento sui contratti, facciamo quadrato intorno al Servizio Sanitario Nazionale partendo dalle donne e dagli uomini”.
 
Durante la trasmissione è stato presentato il caso di un medico che è morto per il Covid ma che ha difficoltà nell'ottenere il risarcimento per via del proprio contratto atipico. “Mi adopererò per aiutare questi colleghi - ha affermato Sileri -, non è possibile che ci sia discriminazione tra i contratti”.

 
Sileri è anche tornato sul controllo dell’epidemia. “Penso che bisogna solo applicare la legge che già c'è. Chi è in quarantena deve rimanere in quarantena ed è già punito se esce ed è positivo. Probabilmente una soluzione più forte in termini di controlli è necessaria. Ciò che è accaduto in Veneto è sicuramente grave, però non tutti si comportano così. È un caso isolato, lo dimostrano i controlli nei vari focolai. Dobbiamo considerare ogni focolaio una battaglia che si vince con tanti tamponi e quarantenando coloro che sono positivi”.
 
“Dobbiamo smetterla - ha aggiunto - di mettere paura alla popolazione. Il virus esiste, circola molto meno rispetto a mesi fa, potrebbe circolare di più in autunno e nel periodo invernale. Se manteniamo le regole che abbiamo, verosimilmente non avremo una seconda ondata come la prima. I tamponi - ha continuato - sono necessari anche per liberare dalla quarantena le persone. Non possiamo bloccare l'Italia per la paura, basta intensificare i controlli. Tranne per coloro che vengono da aree ad altissimo rischio, per le altre aree si fanno i tamponi all'arrivo, si ripete il tampone dopo qualche giorno e si lasciano libere le persone. Altrimenti in Italia non viene più nessuno e l'economia muore”.

07 luglio 2020
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Governo e Parlamento

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy