Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Venerdì 17 AGOSTO 2018
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

Ecco il documento del Centro Studi Fnomceo per la conferenza di Rimini

22 MAG - “Il percorso per orientare e accompagnare l’evoluzione della figura del medico in Italia richiede una prospettiva temporale di medio-lunga durata,  un’azione continua caratterizzata da flessibilità e creatività nel cogliere e sviluppare di volta in volta innovazioni e opportunità, una verifica periodica dello stato dell’arte che diventi poi feed back e punto di ripartenza per tutti i protagonisti coinvolti”.  Questo l'incipit delle conclusioni del documento del Centro Studi della Federazione, approvato dal Comitato Centrale alla vigilia dell'assise riminese, che ha costituito una sorta di road map per i tavoli di lavoro che su questo testo hanno riflettutto e poi lavorato mettendo in alcuni casi l'asticella un po' più avanti.            
 
Si dà quindi tempi medio lunghi la Fnomceo per dare corpo a quella nuova figura di medico del futuro che è stata al centro della tre giorni di Rimini e del resto non poteva che essere così considerando le sfide che la Federazione si è data in tutti i campi dell'essere e agire del medico.    

 
 
 
“Il medico – si legge nel documento - è un protagonista centrale nel processo di cambiamento in atto del nostro sistema sanitario e la riflessione sull’evoluzione nei prossimi anni della sua figura è un momento essenziale per permettere a questo professionista di giocare un ruolo strategico nel servizio alla società”.
 
Per la Fnomceo “all’interno dei nuovi scenari, il medico è oggi chiamato, in modo consapevole e proattivo, a:
essere regista del proprio percorso professionale, cogliendo i momenti chiave di ogni fase (ad esempio quando specializzando, leader professionale, mentore per i colleghi più giovani, ecc.);
-  approfondire le proprie competenze, tecniche e non-tecniche, utilizzando al meglio gli strumenti del Continuous Professional Development;
-  agire come attore competente nella dimensione economica, sociale e politica della propria comunità;
-  adattarsi allo sviluppo e contribuire a determinare i mutamenti delle organizzazioni sanitarie e del loro governo, cogliendo le opportunità offerte dal cambiamento e valorizzando la centralità del paziente in ogni attività”.
 
Ma i cambiamenti non potranno essere immediati. “Il percorso per orientare e accompagnare l’evoluzione della figura del medico in Italia richiede una prospettiva temporale di medio-lunga durata, un’azione continua caratterizzata da flessibilità e creatività nel cogliere e sviluppare di volta in volta innovazioni e opportunità, una verifica periodica dello stato dell’arte che diventi poi feed back e punto di ripartenza per tutti i protagonisti coinvolti”.
 
Gli ambiti nei quali è necessario investire per la Fnomceo:
1.   rivisitazione e consolidamento degli elementi che caratterizzano la professionalità del medico, da quelli più tecnici a quelli legati alla capacità di lettura e di intervento nel contesto;
 
2.   promozione e supporto delle attività di formazione continua negli ambiti clinico assistenziali di interesse;
 
3.   promozione e supporto della formazione in settori strategici per il miglior esercizio della professione, in particolare:
a.  nei NOTTS, con particolare enfasi in merito al tema della capacità di lavorare in gruppi (multispecialistici e multiprofessionali), da cui non può essere estranea una specifica formazione etico-deontologica;
b.  nella capacità di comunicare professionalmente in modo efficace con i colleghi, con i pazienti (anche tenendo conto del loro ruolo sempre più attivo, nonché della loro alfabetizzazione sanitaria), con le altre professioni sanitarie e con la società;
c.   nella capacità di leggere e inserire il singolo evento clinico nel contesto più ampio della storia del paziente e del sistema sociale in cui è inserito;
d.  nella capacità di gestire il proprio sviluppo professionale e lo stress che può accompagnarne alcune fasi;
e.  nell’esercizio della leadership professionale, modulata in funzione dei livelli di azione cui il professionista è chiamato;
f.    nella conoscenza e comprensione dei meccanismi che regolano la dinamica dei sistemi complessi, che influenzano l’agire quotidiano nei più diversi livelli;
g.   nella governance in sanità;
h.  nella capacità di contribuire a determinare e a governare i cambiamenti delle organizzazioni.

22 maggio 2016
© Riproduzione riservata

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy