Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 18 LUGLIO 2019
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

Massofisioterapia. Comitato di scopo: "Il Simmas rettifichi, denigra massofisioterapisti ciechi e ipovedenti"

Il Comitato di scopo dei massofisioterapisti con titolo statale non vedenti e ipovedenti replica a quanto affermato nei giorni scorsi dal Simmas. "Non ci rappresentano e Il numero degli operatori da loro indicato è a dir poco fantasioso. Smentiscano al più presto".

28 LUG - Il Comitato di scopo dei massofisioterapisti con titolo statale non vedenti e ipovedenti diffida il presidente del Simmas, Luca De Martino, in merito  all’ articolo apparso in data 27 luglio 2014 su questo giornale a “continuare a scrivere nel nome e per conto della categoria dei disabili visivi, rettificando nel più breve tempo possibile quanto scritto, attribuendo semmai i problemi da lui descritti ad altri operatori e non certo ai diplomati statali, perché fortemente lesivo e denigratorio della professione sanitaria dei massofisioterapisti ciechi e ipovedenti”.
E’ questa la dura presa di posizione espressa in una nota dal Comitato di scopo dei massofisioterapisti con titolo statale non vedenti e ipovedenti.

Il Comitato precisa infatti che “la nostra categoria di disabili visivi non è assolutamente rappresentata ne' dal Simmas ne' da altre pseudo associazioni, all’infuori: dell’Unione Italiana Ciechi (UIC) e come da accordi sanciti da molti anni con l’Associazione Italiana Fisioterapisti (AIFI) e la Federazione Nazionale Collegio dei Massofisioterapisti (FNCM)”.


Altra precisazione riguarda il rapporto con le istituzioni. “i massofisioterapisti ciechi e ipovedenti, non sono stati abbandonati assolutamente dalla politica, come invece erroneamente o volutamente  scritto nell’articolo in questione, avendo già da molti decenni la tutela della legge 12 marzo 1999, n.68 e dell’ albo professionale istituito con la legge n. 686 del 1961 e successive, in favore del collocamento obbligatorio di tale categoria protetta”.

E, infine, in riferimento al numero di operatori indicato nell’articolo in questione, "definirlo fantasioso o irrealistico e dire poco, perché la nostra categoria, considerando anche che di fatto ha visto  cessare la formazione del massofisioterapista cieco con la classe 2012/2013, non supera le 300/400 unità in tutta Italia. Ciò che ha scritto Di Martino, è gravissimo e – conclude la nota - se non sarà smentito nel più breve tempo possibile,  sarà oggetto di esposto alla Procura della Repubblica”.
 

28 luglio 2014
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy