Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 23 OTTOBRE 2019
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

Massofisioterapia. Comitato di scopo: "Il Simmas rettifichi, denigra massofisioterapisti ciechi e ipovedenti"

Il Comitato di scopo dei massofisioterapisti con titolo statale non vedenti e ipovedenti replica a quanto affermato nei giorni scorsi dal Simmas. "Non ci rappresentano e Il numero degli operatori da loro indicato è a dir poco fantasioso. Smentiscano al più presto".

28 LUG - Il Comitato di scopo dei massofisioterapisti con titolo statale non vedenti e ipovedenti diffida il presidente del Simmas, Luca De Martino, in merito  all’ articolo apparso in data 27 luglio 2014 su questo giornale a “continuare a scrivere nel nome e per conto della categoria dei disabili visivi, rettificando nel più breve tempo possibile quanto scritto, attribuendo semmai i problemi da lui descritti ad altri operatori e non certo ai diplomati statali, perché fortemente lesivo e denigratorio della professione sanitaria dei massofisioterapisti ciechi e ipovedenti”.
E’ questa la dura presa di posizione espressa in una nota dal Comitato di scopo dei massofisioterapisti con titolo statale non vedenti e ipovedenti.

Il Comitato precisa infatti che “la nostra categoria di disabili visivi non è assolutamente rappresentata ne' dal Simmas ne' da altre pseudo associazioni, all’infuori: dell’Unione Italiana Ciechi (UIC) e come da accordi sanciti da molti anni con l’Associazione Italiana Fisioterapisti (AIFI) e la Federazione Nazionale Collegio dei Massofisioterapisti (FNCM)”.


Altra precisazione riguarda il rapporto con le istituzioni. “i massofisioterapisti ciechi e ipovedenti, non sono stati abbandonati assolutamente dalla politica, come invece erroneamente o volutamente  scritto nell’articolo in questione, avendo già da molti decenni la tutela della legge 12 marzo 1999, n.68 e dell’ albo professionale istituito con la legge n. 686 del 1961 e successive, in favore del collocamento obbligatorio di tale categoria protetta”.

E, infine, in riferimento al numero di operatori indicato nell’articolo in questione, "definirlo fantasioso o irrealistico e dire poco, perché la nostra categoria, considerando anche che di fatto ha visto  cessare la formazione del massofisioterapista cieco con la classe 2012/2013, non supera le 300/400 unità in tutta Italia. Ciò che ha scritto Di Martino, è gravissimo e – conclude la nota - se non sarà smentito nel più breve tempo possibile,  sarà oggetto di esposto alla Procura della Repubblica”.
 

28 luglio 2014
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy